Europee: Enisa, paesi Ue vigilino su hacker e disinformazione

'Serve impegno anche dei partiti politici'

Redazione ANSA

ROMA - I paesi Ue vigilino sulla cybersicurezza e sulla disinformazione in vista delle elezioni europee. E' il monito dell'Enisa, l'Agenzia dell'Unione Europea per la cybersecurity, in vista dell'appuntamento elettorale del 26 maggio. In un documento l'Agenzia evidenzia, in particolare, alcune raccomandazioni che gli Stati Membri dovrebbero seguire con attenzione per migliorare la sicurezza informatica. L'Enisa invita i paesi membri dell'Ue a "implementare una tecnologia che identifichi modelli di traffico insoliti che potrebbero essere associati alla diffusione di disinformazione o attacchi informatici ai processi elettorali". E sottolinea che "dovrebbe essere introdotto un obbligo legale che impone alle organizzazioni politiche di attuare un elevato livello di sicurezza informatica nei loro sistemi, processi e infrastrutture".

"Il processo di campagna elettorale politica pubblica è suscettibile alle interferenze informatiche, come abbiamo visto in passato. E' necessario che tutti gli attori, compresi i partiti politici, si impegnino per fronteggiare in maniera adeguata scenari di minacce cyber e di attacchi", osserva Udo Helmbrecht, direttore esecutivo dell'Enisa.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie