Europee: Meloni, nasce alleanza Fdi-Conservatori (Ecr) al Pe

'Siamo pronti a sfidare l'Europa di Bruxelles'

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - "Nasce oggi l'alleanza tra Fratelli d'Italia (Fdi) e il gruppo dei conservatori, guidati qui in Europa dal principale governo di Visegrad", quello polacco: lo annuncia la presidente di Fdi, Giorgia Meloni, parlando con la stampa oggi a Bruxelles dopo l'incontro con i vertici del gruppo dei Conservatori e riformisti europei (Ecr), di cui fa parte anche l'eurodeputato di 'Noi con l'Italia' Raffaele Fitto. 

"Siamo pronti a sfidare l'Europa di Bruxelles - ha assicurato Meloni - e a costruire un'Europa che sappia difendere l'identità, i confini, l'economia reale. È anche un passo importante - ha aggiunto - verso la nascita del grande movimento dei conservatori e riformisti. Qui ci sono anche Raffaele Fitto e altri parlamentari che ci stanno aiutando in questo percorso".

Per la presidente di Fdi è invece difficile che si possa creare un gruppo unico dei sovranisti in Eurocamera. "Mi pare difficile - ha spiegato - che famiglie europee che esistono da molto tempo, con i loro riti, la loro storia e le loro comunità possano a un certo punto sciogliersi e diventare tutte insieme una cosa diversa. Ciò non toglie - ha aggiunto - che si possano costruire delle alleanze. Il nostro obiettivo è quello di dare vita nel prossimo Parlamento europeo a un cambio di passo importante, attraverso la costruzione di un'alleanza che vada dai popolari ai sovranisti", con la speranza che "i popolari assumano sempre più le sembianze di Viktor Orban". Come Fdi "faremo la nostra parte", "con il gruppo dei conservatori" Ecr in Europarlamento "che può un essere un ponte fondamentale di dialogo tra i popolari e il gruppo di Le Pen-Salvini". 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."