Eurocamera stringe tempi per varo norme prima delle europee

In lista d'attesa 287 provvedimenti

Redazione ANSA STRASBURGO

STRASBURGO - Agenda digitale, politiche sociali, asilo e immigrazione: questi alcuni punti su cui Commissione e Parlamento Ue vogliono accelerare il loro lavoro legislativo per ottenere risultati tangibili prima delle elezioni europee. I presidenti delle commissioni dell'Eurocamera e il collegio dei commissari dell'Ue hanno concordato di progredire rapidamente sull'adozione di tutte le proposte rimaste in sospeso e di produrre risultati sui temi di maggiore preoccupazione per i cittadini prima del voto di maggio. Si punta a fare passi avanti anche sul mercato unico, economia circolare, lotta al terrorismo e sul completamento dell'Emu. "L'Ue ha ottenuto risultati su differenti temi" che stanno a cuore "a cittadini e imprese, offrendo loro più scelta, più sicurezza e protezione", afferma l'eurodeputata Cecilia Wikstrom, che presiede la Conferenza dei presidenti di commissione. Però, sottolinea l'europarlamentare, "rimangono da affrontare sfide importanti a livello Ue, ad esempio sulla migrazione". Sono 287 le proposte legislative su cui si deve trovare un accordo.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."