Arriva il drone che salva le mele del Trentino

Da Metacortex soluzione tecnologica per aiutare agricoltori

Redazione ANSA

MILANO - Nel 2013 un attacco ai meli trentini e del nord Italia ha causato la perdita di oltre il 40% della produzione, colpita dalla ticchiolatura, malattia che macchia i frutti rendendoli non più commerciabili. Da questo disastro è nata l'idea di sviluppare una soluzione tecnologica, che utilizza anche i droni, per aiutare gli agricoltori a intervenire in tempo. Il progetto si chiama Eye Scab ed è stato ideato da Metacortex, azienda trentina insediata nel Business innovation center di Pergine Valsugana (Trento), afferente a Polo Meccatronica, l'hub hi-tech di Trentino Sviluppo.

"Dato che la ticchiolatura si sviluppa più facilmente quando le foglie sono bagnate e la temperatura atmosferica è più alta", spiega uno dei quattro fondatori dell'azienda, Rino Goller, "utilizziamo i dati forniti dalle centraline meteorologiche per individuare i periodi in cui è più facile che la malattia possa svilupparsi. Fondamentale è poi l'utilizzo di un drone, dotato di una termocamera radiometrica e di un sensore multispettrale a sei bande, in grado di raccogliere ulteriori dati scaglionati nel tempo relativamente allo sviluppo fogliare".

L'unione tra le immagini catturate dal drone e i dati meteo ha permesso a Metacortex di elaborare un algoritmo con cui si superano i modelli di previsione tradizionalmente utilizzati per la ticchiolatura. Questo consente di individuare le piante più a rischio di infezione, permettendo all'agricoltore di effettuare trattamenti preventivi specifici e più efficaci.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."