Bio può nutrire il mondo solo se cambiano diete, studio

Fibl-Fao: agricoltura è sostenibile con meno consumi e sprechi

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - L'agricoltura biologica può 'sfamare il mondo' in modo sostenibile, ma solo se cambiano le diete e si riduce lo spreco alimentare. Sono i risultati di uno studio dell'istituto internazionale di ricerca sul bio Fibl in collaborazione con studiosi della Fao e di due università europee, pubblicato su Nature Communications. Secondo la ricerca, se il 60% delle coltivazioni su scala mondiale fosse convertito a biologico, e la produzione di mangimi per allevamento e gli sprechi alimentari fossero ridotti del 50%, avremmo un sistema alimentare a basso impatto ambientale, con minori emissioni di gas serra, e un aumento richiesto delle superfici agricole minimo. A questi cambiamenti dovrebbe corrispondere una diminuzione di un terzo del consumo dei prodotti animali, perché si produrrebbero meno mangimi da allevamento. Senza cambiamenti nelle abitudini alimentari e nelle diete, invece, ci sarebbe bisogno di un incremento sostanziale delle aree coltivate. L'agricoltura sostenibile, sono le conclusioni dello studio, è possibile solo se cambiano i modelli di consumo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."