Ue studia piano biodiversità, nella bozza 30% terreni a bio

Nuova strategia attesa per marzo. Fondi ripristino ecosistemi

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Aree protette sul 30% della superficie terrestre e altrettanto per quella marina dell'Ue; messa a riposo del 10% dei terreni agricoli e con il 30% coltivato a biologico; taglio del 50% nell'uso dei pesticidi; una legislazione vincolante Ue e un obiettivo di mobilitazione di 20 miliardi in più l'anno per le azioni di ripristino degli ecosistemi. Sono alcuni degli elementi di partenza della Comunicazione sulla nuova strategia Ue per la biodiversità, attesa per marzo, della quale l'ANSA ha potuto consultare una bozza. I numeri potrebbero ancora cambiare, soprattutto quelli su biologico e pesticidi, riportati tra parentesi quadre nel documento.

L'obiettivo del 30% delle superfici protette, molto ambizioso per le aree marine, dovrebbe essere invece confermato perché è il target su cui si lavora a livello globale per la Conferenza per la biodiversità che si terrà in Cina nell'ottobre 2020.

Nel documento si fa riferimento anche alla necessità di compensazioni affinché gli agricoltori tolgano dalla produzione alcuni terreni, una stretta sulle specie aliene invasive e a una riserva da 10 miliardi di euro in InvestEU per finanziare progetti per la biodiversità. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."

Modifica consenso Cookie