Mediatore Ue, poca trasparenza Stati su rischi pesticidi api

O'Reilly, Commissione dovrebbe rendere nota posizione Paesi

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - La Commissione europea dovrebbe dire quali sono le posizioni dei diversi Paesi membri Ue nel dibattito sui rischi dell'uso dei pesticidi per le api. E' la raccomandazione del mediatore europeo Emily O'Reilly, che definisce 'cattiva amministrazione' il rifiuto dell'Esecutivo Ue di fornire le suddette informazioni a una Ong francese. La riservatezza è stata motivata con il fatto che la pubblicità degli atti in questo momento comprometterebbe un processo decisionale in corso. Il dibattito a livello Ue sulle linee guida Efsa per valutare i rischi dei pesticidi sulle api dura dal 2013, ma la Commissione non riesce a ottenere l'approvazione della maggioranza qualificata dei Paesi nel Comitato preposto.

Nel 2017 la Commissione ha proposto una modifica delle regole per rendere pubblici i voti dei Paesi nei vari comitati, ma il dossier non ha fatto progressi né in Consiglio, né all'Europarlamento.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione e la Commissione declina ogni responsabilità sull'uso che potrà essere fatto delle informazioni in essa contenute."