PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza
  1. ANSA.it
  2. ANSA PNRR
  3. Liguria
  4. Rifiuti, 51 mln in Liguria per tre impianti

Rifiuti, 51 mln in Liguria per tre impianti

Giampedrone, finanziamenti di grande importanza

Redazione ANSA GENOVA

(ANSA) - GENOVA, 04 DIC - Il ministero dell'Ambiente e della Sicurezza Energetica ha destinato 51 milioni di euro di finanziamenti nell'ambito del Pnrr per la realizzazione di 3 impianti per la gestione dei rifiuti in Liguria: si tratta del biodigestore di Saliceti nello spezzino (40 mln), del biodigestore di Colli a Taggia nell'imperiese (circa 6,7 mln) e di due impianti per il trattamento della differenziata a Sanremo e a Terzorio (entrambi nell'imperiese per un finanziamento complessivo di circa 4,7 mln).
    "Si tratta di finanziamenti corposi e di grande importanza - spiega l'assessore all'Ambiente e al Ciclo dei rifiuti Giacomo Giampedrone - che permettono di compiere un passo decisivo verso l'autosufficienza del sistema a livello regionale, all'interno del percorso di attuazione condiviso con le Province e gli Ambiti di quanto previsto all'interno del piano regionale.
    Importante sottolineare come questo stanziamento del Pnrr consenta di semplificare la realizzazione di questi impianti e di non incidere con questi costi sulle tariffe pagate dai cittadini. Questo stanziamento rappresenta il risultato di un'azione coordinata che ha visto affiancate Regione, Province e Comuni e soggetti gestori. Il ruolo assunto da Regione Liguria, oltre a quello di coordinamento, è stato fondamentale nella verifica della compatibilità delle proposte". Il finanziamento più consistente riguarda l'impianto di Saliceti: la struttura di trattamento dell'organico potrà assorbire 60mila tonnellate di frazione umida all'anno ed estrarre biogas, e nascerà accanto all'impianto, già esistente, dedicato all'indifferenziato. Il biodigestore di Saliceti assorbirà la parte umida dello spezzino e del Tigullio, che attualmente viene trasportato nell'impianto di Cairo Montenotte, nel savonese, o fuori regione, consentendo una ottimizzazione della gestione e di raggiungere l'autosufficienza per quanto riguarda la frazione organica per quanto riguarda la parte orientale della regione. I destinatari dovranno individuare i soggetti attuatori entro il 2023 e realizzare gli interventi entro il 2026. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: