Vetrina digitale dell'artigianato Made in Italy sbarca in Cina

Startup Mirta approda su piattaforma cinese RED

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 25 SET - Mirta, la startup italiana che diffonde l'artigianato Made in Italy nel mondo, sbarca in Cina sulla piattaforma di social-commerce RED, che conta oltre 300 milioni di utenti, aprendo le porte della botteghe aritigiane ai consumatori cinesi. L'azienda punta a raggiungere 2,5 milioni di visite uniche mensili alla piattaforma e-commerce nell'arco dei prossimi sei mesi e di aprire un ufficio a Hong Kong dedicato proprio al mercato asiatico entro il terzo trimestre del 2021. L'apertura al mercato cinese "arriva a seguito delle ottime performance di Mirta a meno di un anno dal lancio - si legge in una nota -. Con un numero crescente di artigiani presenti all'interno della piattaforma (oltre 70), la startup conta oggi oltre 500 mila visite mensili al sito ed effettua spedizioni in oltre venti Paesi stranieri. L'ottimo riscontro ottenuto in termini di vendite ha triplicato il fatturato nel terzo trimestre 2020 rispetto a quello precedente". L'Asia, che rappresenta il 30% dei ricavi totali di Mirta, è la regione che ha registrato la maggiore crescita con vendite aumentate di dieci volte dall'inizio dell'anno. Se si considera solo Hong Kong (secondo mercato di riferimento per Mirta dopo gli Stati Uniti), le vendite sono aumentate addirittura di 20 volte. "Per il nostro ingresso abbiamo scelto di partire da RED perchè il 90% degli utenti utilizza questa innovativa piattaforma per raccogliere informazioni su nuovi brand stranieri", spiega Martina Capriotti, co-fondatrice di Mirta. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: