Agricoltura 4.0: per bergamasca Sdf giù ricavi ma Ebitda al top

300 assunzioni nel mondo, 57 milioni in R e nuovi prodotti

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 12 MAG - Ricavi in calo, Ebitda al top e mantenimento dei livelli di investimento, accanto a circa 300 assunzioni nel mondo e un premio di risultato ai dipendenti superiore rispetto agli anni precedenti. Si chiude così il 2020 per la multinazionale bergamasca Sdf, tra i leader mondiali nella produzione di trattori e macchine agricole. Nel dettaglio, i ricavi ammontano a 1,1 miliardi di euro (-10% sul 2019), mentre, il margine operativo lordo (Ebitda) è di 109 milioni di euro, pari al 9,5%, miglior risultato nella storia dell'azienda e in crescita rispetto all'8,7% del 2019. "L'ottima redditività raggiunta - spiega la società di Treviglio - ha permesso di mantenere immutato il piano di investimenti a medio-lungo termine". Ammontano a 57 milioni di euro gli investimenti per nuovi prodotti, ricerca e sviluppo e nuove tecnologie per un'agricoltura sostenibile. Il decremento dei ricavi "è legato, in prevalenza, alla chiusura della sede centrale di Treviglio, prolungata per più di due mesi, in anticipo rispetto al lockdown nazionale del 9 marzo 2020". L'utile netto è pari a 39,3 milioni di euro, a fronte dei 44,6 milioni del 2019, mentre, la posizione finanziaria netta si è chiusa con un indebitamento pari a 176 milioni di euro, in calo di 106 milioni di euro (-38%). In Italia l'azienda ha erogato un premio pari a 5.135 euro agli addetti dei reparti produttivi e ha assunto più di 230 nuovi collaboratori nello stabilimento di Treviglio, raggiungendo i 1.375 dipendenti nel Paese. (ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: