Il marchio CE europeo e quello cinese

Redazione ANSA

I maxi-sequestri di merci contraffatte e fuorilegge sono sempre più ricorrenti in Italia ma il flusso è di centinaia di tonnellate al giorno di prodotti a cui vengono cambiati frequentemente le società di importazione e i negozi di vendita. Secondo dati diffuso dall’EUIPO, l'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale, il mercato dei prodotti contraffatti ha toccato i 121 miliardi di euro, cioè il 6,8% delle importazioni complessive, e l’Italia è il terzo Paese più colpito tra i Paesi dell‘Osce e il secondo in Europa. La provenienza di queste merci illegali, tra cui primeggiano i giocattoli per l’infanzia, viene principalmente dalla Cina e da Hong Kong. E questo crea un ulteriore problema perché i prodotti cinesi recano anch’essi un marchio “CE” come quello che in Europa garantisce prodotti sicuri.

La somiglianza non è certamente casuale. La sigla di “China Export” differisce da quella della “Conformità Europea” per una minore distanza tra le due lettere. I due marchi hanno proporzioni grafiche differenti ma riconoscerli può essere difficoltoso per chi non è abituato anche per via delle dimensioni del marchio stesso, talvolta sotto il centimetro.
“La marcatura CE – spiega la commissione europea - garantisce e informa il consumatore o l'utilizzatore che su quel prodotto o macchinario sono state applicate una serie di procedure, è stata effettuata un'analisi dei rischi, sono state fatte delle prove dei test i calcoli, prima della sua immissione nel mercato, al fine di garantire la sicurezza per l'utilizzatore finale”. Il Marchio CE apposto ad un prodotto o macchinario consente la libera circolazione dello stesso all'interno della unione europea. I prodotti che necessitano di marcatura CE sono riportati in un elenco suddiviso per famiglie di prodotti oppure per direttive applicabili.
È importante ricordare che tanto più il prodotto può creare danni all'utente finale tanto più accurate dovranno essere le procedure per la marcatura CE europea. Di conseguenza il costo più elevato di taluni prodotti europei rispetto ai prodotti di importazione con Marchio CE cinese deriva da questo particolare.
Sul sito del “Safety Gate rapid alert system” della commissione europea vengono pubblicati tutti gli allerta dell’Ue su prodotti non alimentari, effettuati sulla base delle comunicazioni degli Stati membri tramite il Product Safety Business Gateway.

Sul “Safety Gate” Ue ci sono anche utili consigli per i consumatori per effettuare acquisti in sicurezza.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie