Contraffazione: Ue, 15% dei falsi colpisce aziende italiane

Euipo, ogni anno 15 mld di perdite per governi europei

Redazione ANSA

BRUXELLES - Ogni anno la contraffazione genera perdite pari a 15 miliardi di euro nelle entrate dei bilanci dei governi Ue. I più colpiti dai falsi sono i prodotti cosmetici. Nell'Ue le mancate vendite nel settore sono pari a 9,6 miliardi di euro, in Italia 935 milioni di euro. E' quanto emerge da una nuova stima dell'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo) riportata nella relazione 2020 sullo stato delle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale (Dpi) che comprende le indagini dell'Ocse e dell'Ufficio Ue dei brevetti (Ueb). Secondo la ricerca il 15% di tutti i prodotti contraffatti nel commercio internazionale sequestrati dalle autorità doganali viola i diritti di proprietà intellettuale delle imprese con sede in Italia rappresentando un "grave rischio per i consumatori".

Secondo quanto si legge nel rapporto Euipo, i prodotti più 'taroccati' sono i giocattoli, gli articoli per l'infanzia e i vestiti destinati ai bambini. Oltre alle perdite dovute alla riduzione di gettito fiscale e alla mancato versamento di contributi sociali da parte dei produttori illegali, la relazione pone l'accento sulle vendite non realizzate a causa della contraffazione che hanno raggiunto un valore di 19 miliardi di euro. Tra i settori più colpiti nell'Ue figurano i cosmetici dove ogni anno si registrano mancate vendite pari a 9,6 miliardi in Ue. Rispetto all'ultima analisi di Euipo del 2019 il danno complessivo causato dalla contraffazione alle imprese 'regolari' ha registrato un aumento di 2,5 miliardi di euro, di cui 225 milioni di euro a carico di aziende italiane. 

"La contraffazione non è un reato senza vittime. I prodotti contraffatti sottraggono alle imprese vendite legittime e privano i governi di entrate più che necessarie, oltre a presentare ovvi rischi per la salute e la sicurezza degli utilizzatori" ha detto il direttore esecutivo dell'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo), Christian Archambeau"La nostra collaborazione con Europol rivela che i proventi della contraffazione possono sostenere anche forme gravi di criminalità organizzata" ha aggiunto il direttore di Euipo. Dal 2016 le autorità Ue hanno condotto 29 operazioni rilevando il legame tra produttori illegali e traffico di stupefacenti e riciclaggio di denaro. "Per far fronte a questa situazione è necessaria un'azione internazionale concertata a tutti i livelli" ha concluso Archambeau.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie