Corte Ue: marchi, Amazon Marketplace non viola diritti

Tenere in magazzino prodotti illeciti non dà responsabilità

Redazione ANSA

BRUXELLES - La Corte di Giustizia Ue ha stabilito che Amazon non viola i diritti connessi ad un marchio se, nell'ambito delle sue vendite Amazon-Marketplace, tiene in magazzino prodotti di terzi venditori che non rispettano le normative sui marchi e se tale illiceità non è conosciuta. Lo si legge in una sentenza odierna della Corte. Il caso era stato sollevato dalla società tedesca Coty Germany, distributore di profumi, che possiede una licenza per il marchio Ue Davidoff. Coty Germany sosteneva che due società del gruppo Amazon avevano violato i suoi diritti sul marchio con il deposito in magazzino e la spedizione di bottiglie di profumo "Davidoff Hot Water" messe in vendita da venditori terzi sul Marketplace di Amazon senza il suo consenso.

Coty Germany ha quindi chiesto ai tribunali tedeschi di ordinare alle due società interessate di desistere dal deposito e spedizione delle bottiglie. Il Bundesgerichtshof (la Corte federale di giustizia, tedesca) ha chiesto a sua volta alla Corte di giustizia Ue di interpretare il regolamento sul marchio Ue. Con la sentenza odierna, la Corte chiarisce che "affinché vi sia una violazione dei diritti sul marchio da parte della società che fornisce il deposito, tale società deve perseguire, come il venditore, l'obiettivo di offrire i prodotti in vendita sul mercato". Il Bundesgerichtshof ha affermato che in questo caso le due società Amazon "non hanno utilizzato loro stesse il marchio Davidoff".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie