Coronavirus: Gdf Roma, sequestrate 700 mascherine

Non sono sicure o venivano vendute a prezzi maggiorati

Redazione ANSA

ROMA - Numerose mascherine, prodotte"artigianalmente" da una sartoria di Roma, nel quartiere Portuense, erano pronte ad essere messe in commercio, sebbene non conformi alla normativa comunitaria e nazionale poiche' sprovviste del marchio di qualita' CE. Il titolare dell'attivita', che aveva addirittura pubblicizzato la vendita dei manufatti, e'stato denunciato alla Procura della Repubblica di Roma per frode in commercio dalle Fiamme Gialle del 3° Nucleo Operativo Metropolitano della Capitale.

Inoltre, nel retrobottega di una farmacia sita nella zona di Guidonia Montecelio, al cui esterno era esposto un cartello con l'indicazione "maschere esaurite", i Finanzieri del Gruppo di Tivoli hanno trovato e sequestrato 228 dispositivi che venivano venduti al prezzo di 35 euro l'uno, cinque volte superiore al valore di acquisto. Per il titolare e tre suoi dipendenti e' scattata la segnalazione all'Autorita' Giudiziaria di Tivoli per il reato di "manovre speculative su merci", con conseguente richiesta di assegnazione dei dispositivi alla Protezione Civile, affinche' siano utilizzati dagli operatori chiamati a gestire l'emergenza. 

Altre 480 mascherine non in linea con gli standard di sicurezza sono state scovate da militari della Compagnia di Frascati in una rivendita alla Romanina, acquistate "in nero" e occultate sotto il bancone. Anche in questo caso l'esercente e' stato denunciato alla Procura della Repubblica di Roma.

Sono in corso indagini per risalire all'origine della "filiera" illegale. Dall'inizio dell'emergenza, sono state centinaia le attivita' commerciali di Roma e provincia controllate dalla Guardia di Finanza per verificare la corretta esposizione dei prezzi al pubblico e sventare ogni possibile pratica speculativa, commessa approfittando dell'aumento vertiginoso della domanda di mascherine e disinfettanti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie