Tribunale Ue, la marijuana non può essere un marchio europeo

Giudici danno ragione a Euipo e respingono ricorso

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Un segno che evoca la marijuana non può essere registrato come marchio Ue perchè, allo stato attuale del diritto, è contrario all'ordine pubblico. Lo ha stabilito oggi il Tribunale Ue respingendo il ricorso presentato dalla signora Santa Conte.

Nel 2016 la signora Conte aveva chiesto all'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo) di registrare un'immagine - in cui sullo sfondo di foglie di marijuana campeggia la scritta 'cannabis' e sotto 'store amsterdam' - quale marchio Ue per prodotti alimentari, bevande e simili.

L'Euipo aveva respinto la domanda ritenendo l'immagine contraria all'ordine pubblico, una decisione impugnata davanti al Tribunale Ue dalla signora Conte ma confermata oggi dai giudici europei. Secondo i quali l'Euipo ha correttamente ritenuto che la rappresentazione stilizzata della foglia di cannabis costituisce il simbolo mediatico della marijuana, sostanza stupefacente e illegale in numerosi Paesi Ue.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie