A Stelline Milano il Gange e le sue contraddizioni

'Gange Ma' 10 anni di foto fra natura e inquinamento

Redazione ANSA MILANO

 MILANO - Ci sono voluti dieci anni di lavoro a Giulio Di Sturco per realizzare le immagini di 'Gange Ma', in mostra fino al 22 marzo alla Fondazione Stelline di Milano.
    Dieci anni di lavoro fotografico lungo il Gange, dalla sorgente sull'Himalaya, fino alla foce a 2.500 km di distanza nel golfo del Bengala, che raccontano la magnificenza della natura, ma anche il disastro dell'inquinamento di un fiume che è sull'orlo del disastro ecologico e della crisi umanitaria, considerando il numero di persone per cui è fonte di sussistenza.
    In mostra (la curatrice è Eimear Martin) sono visibili 24 fotografie e due wallpaper, realizzate per la maggior parte con la luce dell'alba, che mostrano insomma il rapporto conflittuale che l'uomo ha con la natura che lo circonda.
    A corredo della mostra, la fondazione Stelline ha anche ideato il laboratorio per bambini dai 5 ai 10 anni 'Come stai, fiume?' (domenica 1 e 22 marzo e sabato 7 e 14).
    "La cultura alla sostenibilità è uno dei valori identitari della Fondazione Stelline - ha sottolineato il presidente PierCarla Delpiano - Ci fa quindi particolarmente piacere che la prima mostra del 2020 in Fondazione sia proprio Ganga Ma, un percorso espositivo in cui il rapporto tra uomo e ambiente" (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie