Beauty & Fitness

Imparare a ridere fa bene, ecco gli esercizi per praticare lo Yoga della Risata

Passo passo come fare. 10 minuti al giorno per ricontattare il proprio bambino interiore

Lara Lucaccioni, master italiana Yoga della Risata © Ansa
  • di A.M.
  • 08 maggio 2021
  • 22:35

"Oggi abbiamo bisogno di ridere più che mai". Vivere un’esistenza piena nonostante la malattia oppure affrontare con maggiore resilienza e felicità questo delicato momento storico. È quanto stanno sperimentando le moltissime persone che praticano regolarmente lo Yoga della Risata, disciplina in cui non si ride per uno stimolo esterno di tipo comico ma per scelta, con innumerevoli benefici psico-fisici.  Per festeggiare la Giornata mondiale della Risata per la Pace nel mondo domenica 2 maggio si sono tenuti due eventi virtuali: uno organizzato dalla master italiana Lara Lucaccioni, l'altro da Laura Toffolo, presidente dell'Ass. Yoga della risata e OLTRE, e master trainer, una maratona di risate di 12 ore, dalle 8 di mattina alle 20 di sera. Lo scopo della ricorrenza, istituita nel 1998 dal medico indiano Madan Kataria, fondatore del movimento dello Yoga della Risata, presente all’iniziativa insieme a sua moglie Madhuri, è celebrare il messaggio universale di Salute, Felicità e Pace che rappresenta la missione della pratica.
Imparare a ridere, anche di fronte alle avversità è infatti la sfida maggiore a cui invita questa pratica, ideata nel 1995 e seguita oggi da più di 3 milioni di persone in oltre 110 Paesi del mondo, in cui si porta il proprio corpo a ridere per scelta in maniera prolungata, sostenuti dalla respirazione, senza un motivo di tipo umoristico. La scienza ha provato che il corpo non distingue una risata vera da una autoindotta, per cui dopo 10-15 minuti si producono gli stessi innumerevoli benefici, dimostrati da quasi 600 ricerche. Tanto più che la risata finisce per diventare liberatoria e spontanea, grazie all’effetto contagio dei neuroni specchio dovuti al contatto visivo e della giocosità sperimentata durante la sessione, che permette di ricontattare il proprio bambino interiore. Di contro, sottolinea Toffolo, che pratica lo Yoga della risata da 18 anni, ci può essere "una crescita dell'autostima non equilibrata che certo non aiuta a vedere le situazioni in maniera reale"
Lo Yoga della Risata, il cui nome fa riferimento alla combinazione delle respirazioni profonde proprie dello yoga a esercizi di risate, pur praticato anche a livello individuale, rivela il suo massimo potenziale in tutte le situazioni in cui c’è un gruppo, finendo per avere un enorme valore terapeutico, soprattutto in presenza. A partire appunto dagli ambienti socio-sanitari con i pazienti oncologici, le persone disabili, gli anziani e i malati di Alzheimer, gli utenti psichiatrici, i tossicodipendenti e i carcerati, passando attraverso le aziende, per finire con le scuole e le famiglie. Durante la pandemia è divenuto un alleato insostituibile di migliaia di persone in tutto il mondo. 

Ma come si pratica? Ecco gli ESERCIZI PER RIDERE DA SOLI (dal libro di Lara Lucaccioni "Ridi Ama Vivi", Bur Rizzoli)
Lo Yoga della risata riguarda la scelta della felicità, proponendo esercizi fisici semplicissimi e alla portata di tutti, che permettono di innescare la risata come atto corporeo e quindi di sostenerla nel tempo attraverso l’uso della respirazione. È ben diversa, in questo, dalla ri­sata di reazione a uno stimolo comico sporadico, che dura più o meno un minuto. Tutti, allenandoci, possiamo riprodurre questi semplici esercizi di risata incondizionata a casa nostra, meglio se a inizio giornata, in modo da beneficiare al massimo nelle ore che seguiranno della chimica positiva che si sprigiona ridendo per dieci minuti. Innescheremo così una vera e propria routine quotidiana ridente. Quando comprendiamo che a livello fisiologico la risata è un’espirazione profonda, che ci permette di ripulire i polmoni dall’anidride carbonica stantia e immettere più ossigeno nel corpo e nel cervello, diventa davvero facile. Quanto ridere? Almeno dieci minuti al giorno, di seguito, perché è il tempo utile a produrre la biochimica di grande benessere, il joy cocktail, come lo chiamiamo noi che pratichiamo lo Yoga della risata. Dove farlo? Ti consiglio di scegliere un luogo protetto della tua casa dove ti senti particolarmente a tuo agio e di ridere sempre lì. Tante persone ridono anche in auto, negli spostamenti quotidiani: l’auto è un posto protetto, dove puoi ridere ad alta voce senza disturbare, né essere disturbato. E la pratica non ostacola la guida, anzi: ti permette di relativizzare le situazioni in cui ti verrebbe da arrabbiarti e sfruttare al meglio un tempo che a volte sembra sprecato. Quando? Tutti i giorni, possibilmente sempre alla stessa ora, in modo da creare un’abitudine e far diventare la risata parte della tua routine quotidiana, come preparare la colazione, lavarti i denti o farti la doccia.

Come fare? Ecco di seguito una serie di esercizi per portare la risata incondizionata nella tua vita.
1. Risata timida crescente Come primo esercizio ti consiglio una risatina timida, delicata, intima, che piano piano aumenta di intensità fino a ridere a bocca aperta, in modo da rilassare la zona della gola, e a ridere diaframmaticamente, di pancia, così da ottenere il massimo dei benefici dalle nostre risate. Una volta che avrai sciolto il ghiaccio e sarai entrato in contatto col suono della tua risata (a volte può essere perfino poco familiare), specie se inizierai a ridere nel pieno silenzio, sarai pronto per l’esercizio fondamentale.
2. Inspiro-trattengo-rido Questo esercizio sfrutta la fisiologia della risata e permette di ossigenarci profondamente. Inspira una grande quantità di aria, cercando di gonfiare bene la pancia, se ci riesci e se il diaframma è libero. Trattieni, quindi, l’aria nei polmoni finché puoi, indossa il tuo più bel sorriso, e poi lascia uscire l’aria, espirando con una bella risata a perdifiato. E quando la risata si esaurisce, perché è finita l’aria nei polmoni, be’, fallo di nuovo. Inspira, trattieni, trattieni, trattieni, fai un bel sorriso e... ridi! Se l’aria che riesci a inspirare ti sembra poca, ti invito a ripetere questo esercizio con la tua capacità di aria attuale. Vedrai che ripetizione dopo ripetizione la tua capacità polmonare aumenterà considerevolmente.
Questo è l’esercizio base, che ti permetterà di autoindurti la risata anche al di fuori della pratica quotidiana, quando ti troverai a gestire un momento difficile, ricavando più energia per attingere a punti di vista diversi da quelli che hanno creato il problema. Una volta che avrai iniziato a eseguirlo quotidianamente, sentirai l’energia aumentare e le risate estendersi anche al di fuori della pratica. Insomma, riderai di più anche durante il giorno, ti troverai a comunicare meglio con gli altri, a essere di più nella gioia e ad attrarre il positivo.
I benefici di tutta questa pratica quotidiana sono tantissimi. A livello fisico abbassiamo lo stress, aiutiamo il sonno e la respirazione, miglioriamo la circolazione, la digestione e il transito intestinale, potenziamo il sistema immunitario e linfatico, ci ammaliamo meno, siamo più energici e pieni di vitalità. A livello emozionale aumentiamo l’autostima, miglioriamo l’intelligenza emotiva, abbiamo più sicurezza e apertura comunicativa, ci liberiamo dai blocchi emotivi e percepiamo un profondo senso di leggerezza. A livello mentale abbiamo più presenza di spirito e concentrazione, meno pensieri e migliore capacità di gestire le difficoltà. Il nostro umore si allevia e sostanzialmente stiamo meglio, ci relazioniamo in modo proficuo, siamo più positivi. Questo si ripercuote a cascata sulla nostra vita quotidiana, sulle relazioni, sull’attività lavorativa. In fin dei conti sono solo dieci minuti al giorno, ma con un significato molto profondo: annunciare all’universo che stai scegliendo di essere felice, che stai nutrendo la tua parte di luce, che stai facendo qualcosa di buono e bello per te, dedicandoti tempo di qualità e impattando positivamente sulla tua giornata e su quella degli altri.

Vai al Canale: ANSA2030
Modifica consenso Cookie