Caffè di Musetti nella sfida digitale

Investimenti in innovazione e piano 4.0 aiutano trasformazione

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 10 NOV - Nel lontano 1934, nel centro di Piacenza, c'era un piccolo negozio "la casa del caffè", dove ogni mattina il signor Musetti preparava il primo caffè della giornata. Sopravvissuto alla seconda guerra mondiale, dopo un periodo di fatica e miseria, Luigi Musetti, con l'aiuto della moglie e dei figli, trasforma la sua piccola attività in un'azienda. Oggi Caffè Musetti è presente sui mercati internazionali, sfiora i 30 milioni di euro di fatturato e punta sulle nuove tecnologie, pronta a cogliere le sfida dell'e-commerce. "Quando sono arrivato, nel 2015, ho trovato un'azienda che aveva intrapreso da tempo un percorso di crescita, ma iniziava a risentire di un'infrastruttura tecnologica superata e procedure operative non efficienti", spiega il direttore finanziario di Caffè Musetti, Paolo Molinaroli, che ha portato un cambiamento in un'azienda familiare, giunta alla terza generazione, grazie ad investimenti in innovazione. "Rinnovare una realtà attiva da oltre ottant'anni è stata un'impresa, ma già iniziamo a vedere i primi risultati", spiega Molinaroli, sottolineando che anche il piano Industria 4.0 del governo "ci ha influenzato per due motivi: innanzitutto dal punto di vista dei vantaggi fiscali, ma anche perché l'azienda si è resa conto che la trasformazione digitale era necessaria per mantenere il livello concorrenza al passo coi tempi. Anche un settore tradizionale come il caffè non poteva non intraprendere questa sfida". La trasformazione di Musetti è partita con investimenti nella fibra, che è stata portata all'interno dell'azienda, per proseguire con l'adozione di un nuovo sistema gestionale (Sap Business One), per il quale il gruppo ha ottenuto il premio Innovazione Smau 2017, che consente di controllare l'intera organizzazione dell'azienda semplificando i processi. Nel frattempo Musetti ha investito fortemente sull'e-commerce che è al centro delle strategie di espansione del gruppo. "In questo campo siamo sui 650 mila euro l'anno, ma possiamo fare molto di più - dice il Cfo -. E gli strumenti che abbiamo ora a disposizione ci daranno la possibilità di aumentare i canali di vendita, il volume di gestione e i servizi offerti".(ANSA).
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA