La Francia è 'start-up nation' d'Europa

In meno di 5 anni raccolti 9 miliardi di dollari

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 13 GIU - Con una raccolta di circa nove miliardi di dollari in meno di cinque anni, grazie all'importante supporto del governo e alla sinergia tra pubblico e privato, la Francia è la start-up nation d'Europa. É quanto emerso nel corso dell'incontro sul tema 'Il capitale di rischio a supporto delle start-up in Italia e Francia' organizzato da French Tech Milan, l'ecosistema de La French Tech in Italia. La French Tech è un'iniziativa promossa dal Ministero dell'Economia e delle Finanze francese a fine 2013 che riunisce tutti gli operatori del mondo dell'innovazione e delle startup tecnologiche, con lo scopo di sostenere la crescita e lo sviluppo internazionale di quelle ad alto potenziale. La French Tech, che può contare su un fondo proprio di 200 milioni di euro per accelerare la crescita di imprese tecnologiche e attirare i migliori talenti, ha affiancato e supportato start-up che, nel tempo, si sono affermate come realtà di primo piano nei rispettivi settori e che, in alcuni casi, sono diventate unicorni di portata mondiale. BlaBlaCar, Criteo, Erytech, Ovh, Sigfox ne sono un esempio. Aprendo i lavori, Marc Benayoun, a.d di Edison ha sottolineato: "Sono convinto che forme di collaborazione italo-francesi o franco-italiane quali French Tech consentono di favorire l'emergere di un ecosistema flessibile, capace di sostenere l'imprenditoria e le start-up, ma anche di accompagnare le imprese tradizionali nella loro digitalizzazione". L'ambasciatore per gli investimenti internazionali e Presidente di Business France, Pascal Cagni, ha affermato: "Rinforzando i finanziamenti incrociati di startup francesi e italiane, i nostri due Paesi si doteranno dei mezzi per essere ancora più innovativi e creativi, e contribuiranno così a costruire l'economia digitale europea di domani".
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: