Mediobanca-Unioncamere, prossima sfida

Lo Bello, imprese consapevoli che è chiave per competitività

Redazione ANSA MILANO
(ANSA) - MILANO, 22 NOV - Impresa 4.0 è la prossima sfida per le aziende manifatturiere di media dimensione. Ad oggi il 60% è in una fase, più o meno avanzata (dal test al pieno utilizzo), di applicazioni delle tecnologie per l'Industria 4.0 in azienda. È quanto emerge dall'indagine annuale sulle medie imprese industriali italiane, realizzata da Mediobanca e Unioncamere, secondo cui il 56% delle imprese conosce le misure del Piano del Governo a sostegno della trasformazione digitale. ßßßIl 6,4% delle imprese afferma di aver già ampiamente introdotto la rivoluzione 4.0, mentre il 20,8% ha avviato alcuni progettiß e il 31% è in fase di progettazione o di analisi. Le prime applicazioni riguardano soprattutto la produzione (86,6% dei casi) e, con un netto distacco, la logistica e gestione del magazzino (17,9%); ancora limitata è, invece, l'applicazione nelle vendite (7,0%). "La maggioranza delle imprese è consapevole del ruolo chiave della trasformazione digitale per la competitività", sottolinea il presidente di Unioncamere, Ivan Lo Bello, durante la presentazione del Rapporto. "Secondo i nostri campioni del made in Italy, Industria 4.0 consentirà di avere maggior successo sotto il profilo economico e di accrescere la qualificazione dei propri dipendenti". Ad oggi però gli imprenditori, in un terzo dei casi, considerano "insufficiente" l'attuale livello di preparazione sui temi di Impresa 4.0 edßappena il 4,4% giudica le risorse umane aziendali già pronte ad abbracciare la trasformazione digitale. Quanto all'impatto sull'occupazione, per gli imprenditori comporterà un aumento dei dipendenti a maggior qualificazione.
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA