Al via Cantiere d'arte di Montepulciano, Tra natura e tecnologia

Dedica ricordi a Hans Werne Henze

Paolo Petroni MONTEPULCIANO (Siena)

MONTEPULCIANO (Siena) Si è aperto  il quarantunesimo Cantiere Internazionale d'Arte che quest'anno si è dato un tema musicalmente particolare ''Tra natura e tecnologia'', per interrogarsi in che punto siamo noi uomini oggi tra questi due poli, come spiega il direttore artistico Roland Boer, e tra gli eventi più originali è previsto domani sera ''Suoni Stampati Suoni Impressi'', performance allestita presso la Tipografia Madonna delle Querce di Montepulciano, con i tipografi diventano musicisti con le loro vecchie macchine da stampa che interagiscono con un quartetto di ottoni Free Chamber Brass, che ideato e esegue l'evento. Alle ritmiche ostinate delle rotative si accompagnano i suoni improvvisati di trombe, flicorni, corni e tromboni per un concerto inedito: ''La tipografia è il luogo dove si replica il pensiero - spiegano gli autori - e questo processo produce rumore, un rumore che talvolta può essere breve e intenso, talvolta denso, continuo e assordante. La presenza della musica, dei suoni, è allo stesso tempo un collante, un elemento conciliante e una finestra verso la peculiare raffinatezza del pensiero umano. Ogni momento è un momento creativo ed espressivo, la performance sarà la sintesi di un percorso artistico, nel momento in cui accade, un continuum musicale fra improvvisazione e composizione''.
    Al centro della manifestazione quest'anno un ricordo del compositore Hans Werner Henze, suo fondatore e creatore scomparso nel 2012 e che avrebbe compiuto quest'anno novanta anni. Tra le altre cose sarà riprposta anche la sua celebre favola in musica ''Pollicino'', nata proprio per Montepulciano nel 1980 e che avrà questa volta la regia di Marina Bianchi il 29, 30 e 31 luglio. Sabato 23 invece sarà al volta del balletto di Henze ''L'usignolo dell'imperatore'' eseguito dall' RNCM-Royal Northern College of Music di Manchester Ensemble diretto da Alessandro Ferrari, con Gioele Del Santo primo ballerino e coreografie e costumi di Maria Stella Poggioni. Altro appuntamento di rilievo sabato 22 luglio, il ''Dido e Aeneas'' di Purcell in un allestimento di quest'opera mitologica pensato per lo stupendo Tempio rinascimentale di San Biagio, ai piedi del colle di Montepulciano, che avrà la regia di Michael Kerstan pensata per coinvolgere e immergere lo spettatore i n modo totalizzante nei suoni dei solisti, del coro e dell'orchestra Modus Ensemble guidata da Mauro Marchetti.
    Ad aprire il cartellone è stata il 15 e 16 luglio la prima assoluta al Teatro Poliziano di ''Icarus'', un'opera commissionata dal Cantiere a David Blake (che festeggia gli 80 anni) e Keith Warner (che firma ance la regia) e che vedrà sul podio lo stesso Boer con la Rncm Chamber Orchestra, cui seguirà un recital del soprano Susan Bullock su arie sempre di Blake e Warner. Stessa orchestra e direttore per il concerto di chiusura in piazza con musiche di Beethoven, Honnegger e altri. Per le vie del centro storico di Montepulciano sino al 31 luglio vive l'allestimento di ''Reincarnazioni'', esposizione di sculture realizzate con materiali di recupero dal senese Gianni Fanello, che con lamiere saldate, rame levigato e pezzetti di metallo compone piante bizzarre ed eccentrici animali. Il Cantiere è sostenuto da Comune di Montepulciano, MiBACT, Regione Toscana, Banca Valdichiana, Conad, Consorzio Nobile di Montepulciano, Terme di Montepulciano, Estra, Cantine Contucci.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA