Torna il Festival filosofia, il tema è la persona

A Modena, Carpi, Sassuolo quasi 200 appuntamenti fino al 15/9

Paolo Petroni MODENA

MODENA- CARPI SASSUOLO - E' attorno alla 'persona', come si intitola quest'anno il 19/o Festival Filosofia che si svolge dal 13 al 15 settembre a Modena, Carpi e Sassuolo, che rifletteranno, si interrogheranno, discuteranno, rispondendo a tante domande almeno quante nuove ne proporranno nelle loro lezioni magistrali i 53 relatori, tra i quali attesi sono i maestri e beniamini del pubblico da oramai vari anni. Alcuni sin dagli inizi della manifestazione, come Marc Augé, Enzo Bianchi, Massimo Cacciari, Umberto Galimberti, Remo Bodei, presidente del comitato scientifico del Consorzio, altri arrivati negli anni seguenti, da Donatella Di Cesare, Roberto Esposito, Michela Marzano, Stefano Massini, Salvatore Natoli, Massimo Recalcati, Emanuele Severino, Carlo Sini, Silvia Vegetti Finzi, assieme a 24 voci nuovi, debuttanti al festival, che sapranno sorprendere gli ascoltatori e tra le quali sono Michel Agier, Leonardo Caffo, Colin Crouch, Alain Ehrenberg, Paolo Flores d'Arcais, Enrico Giovannini, Danilo Martuccelli, Michael Rosen, Olivier Roy, Michael Quante.

'Maneggiare con cura' è poi l'avvertenza, quasi il sottotitolo esortativo a proposito della 'persona', argomento scelto "osservando ciò che accade attorno a noi da due prospettive diverse, quella filosofica e quella sociale", come sottolinea il direttore scientifico del festival Daniele Francesconi, aggiungendo: "Il discorso istituzionale e morale costruito attorno all'individuo rinvia all'antichità e al diritto romano, ma rappresenta un tema ancora vivo e sentito nel dibattito filosofico contemporaneo in un momento storico in cui i diritti umani sembrano tornare cosa urgente nel nostro vivere". Sempre immersa in una rete di reciprocità, alla persona si riconduce il principio di dignità, sia nel campo sociale e politico (come per esempio nel caso del lavoro), sia nelle questioni bioetiche di inizio e fine vita (un laboratorio 'Scelte di fine vita' permetterà la simulazione in un ambiente protetto della compilazione delle Disposizioni Anticipate di Trattamento, esercizio del proprio diritto all'autodeterminazione e alla condivisione delle scelte rispetto ai propri percorsi di cura). Si indagherà anche il modo in cui l'essere persona - richiamandosi al suo significato originario di maschera - passi attraverso il riconoscimento e la messa in scena del sé in cui si esprime la soggettività di ciascuno.

Gli appuntamenti di questi tre giorni saranno quasi 200 e tutti gratuiti e come sempre saranno piazze e cortili a ospitare le lezioni magistrali. In programma anche ricordi di Tullio Gregory, scomparso quest'anno e membro del comitato scientifico del Festival sin dalla sua nascita, di cui faranno parte anche otto "menu filosofici" in oltre 70 ristoranti e enoteche delle tre città, per ricordare tutti quelli da lui ideati e presentati nelle precedenti diciotto edizioni. Se le lezioni magistrali sono il cuore della manifestazione, un vasto programma creativo coinvolgerà performance, musica e spettacoli dal vivo. Tra i partecipanti: David Riondino (concerto bandistico), Pamela Villoresi (recital sul tema del lavoro), Lino Guanciale (conversazione con Roberto Escobar su Canetti), Chiara Valerio (reading da un suo testo inedito), Riccardo Iacona (conversazione sulle cronache della violenza di genere), Lella Costa (in un recital su Edith Stein). Non mancheranno i mercati di libri e le iniziative per bambini e ragazzi. Oltre trenta le mostre proposte, tra cui le personali di Vittorio Guida e Luisa Menazzi Moretti prodotte da Fondazione Modena Arti Visive. A Carpi una mostra presenta incisioni di Picasso, Kirchner e Chagall sul tema della maschera, mentre a Sassuolo una personale di Mustafa Sabbagh è dedicata alla condizione dell'umano.

Il festival è promosso dal Consorzio per il festivalfilosofia, di cui sono soci i Comuni di Modena, Carpi e Sassuolo, la Fondazione Collegio San Carlo di Modena, la Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA