Percorso:ANSA.it > Tempo d'Esami > Orientamento all'Università
Tempo d'Esami

Test ingresso universita': odontoiatria? mission impossible

24 luglio, 15:06
Uno studente
Uno studente
Test ingresso universita': odontoiatria? mission impossible

ROMA - Frequentare Odontoiatria? Mission impossibile: è ammesso 1 candidato su 20. Ogni anno migliaia di neo-diplomati decidono di prepararsi per i tanto temuti test d'ingresso, rincorrendo il sogno di potersi iscrivere alla facoltà desiderata. Ma non sono soli, a volte sono accompagnati da studenti che magari provano per la seconda o terza volta. Così ci sono test di ingresso talmente gettonati, che il rapporto tra partecipanti e posti disponibili rende l'accesso quasi una sorta di lotteria. Lo rivela Stefano Bertocchi, Responsabile nazionale Corsi Alpha Test, intervistato da Skuola.net.

Tra le facoltà più ambite, si aggiudica indiscutibilmente il primo posto quella di Medicina con una media di 80mila aspiranti medici l'anno. Non bastano gli innumerevoli anni di perfezionamento a scoraggiare le ambizioni dei candidati, né la proverbiale difficoltà dei test. Al secondo posto si piazzano le facoltà di Odontoiatria, Fisioterapia e Logopedia, che tutte insieme raccolgono oltre 100mila candidati. Decine di migliaia sono anche i giovani che affrontano i test di Veterinaria e Architettura. A risultare più selettivi sono comunque i corsi per le professioni sanitarie, in particolare quelli relativi al settore infermieristico. La facoltà di Odontoiatria ogni anno ammette circa 1 candidato ogni 20, mentre tra gli aspiranti fisioterapisti solo 1 su 15 ce la fa. Stessa sorte per coloro che tentano il test di Logopedia che ammette una media di una matricola su 12 candidati. In questo scenario Medicina non sembra poi essere una chimera così irraggiungibile: ce la fa 1 candidato su 7.

A confronto sembra quasi una formalità il test di Architettura: mediamente viene ammesso 1 studente su 2. Il recente boom di iscritti ha reso l'ingresso a Veterinaria una bella sfida: ce la fa un candidato su 13. Al contrario di quanto si pensi, Bertocchi sostiene che il numero chiuso nei suoi 25 anni di storia ha decisamente favorito un aumento di interesse nei confronti dei corsi con sbarramento. Prima della sua introduzione, infatti, le matricole di Medicina, ad esempio, erano circa 30mila, mentre oggi le richieste per i test sono mediamente 80mila per circa 10 mila posti disponibili. Il motivo di questa crescita è che, pur con tutti gli aspetti negativi e difficoltosi legati ai test d'ingresso, questo meccanismo garantisce buone prospettive lavorative. Oltrepassato l'ostacolo iniziale, le possibilità di buona riuscita sono certamente molto alte.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni