Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Test medici sbagliati, Lombardia pronta a far causa

Test medici sbagliati, Lombardia pronta a far causa

Kit inattendibile, 3500 pazienti richiamati da ospedale Crema

15 marzo, 15:37

La Regione Lombardia è pronta a citare per danni l'azienda che produce il kit che ha causato i test clinici errati all'ospedale Maggiore di Crema. ''Certamente - annuncia l'assessore alla Salute Mario Mantovani - ci si rivarrà nei confronti della casa farmaceutica perché rifonda i danni provocati ai pazienti, oltre che alla stessa azienda ospedaliera di Crema''.

Era stata la stessa azienda che produce i kit per il sovradosaggio di paratormone - un esame finalizzato a stabilire la concentrazione di calcio - a informare l'azienda ospedaliera della possibile inattendibilità degli esami eseguiti su 2.467 utenti fra il 7 febbraio del 2013 e lo scorso 14 febbraio.

''Dopo che lo scorso 26 febbraio è pervenuta la comunicazione ufficiale dell'azienda produttrice del kit - aggiunge Mantovani - è stato predisposto un piano d'azione così da informare nel più breve tempo possibile tutti i pazienti che erano stati sottoposti alla somministrazione del paratormone, attivando, nel contempo, nuovi prelievi ad hoc. E questo senza alcun costo per i pazienti e con gli esiti che saranno successivamente inviati a domicilio''. Sono circa 3.500 i pazienti richiamati dal laboratorio d'analisi dell'Ospedale di Crema perche' gli esami effettuati nel corso di un intero anno non erano attendibili. E' stato necessario ripetere l'esame perche' la Abbott, l'azienda che produce il kit fornito dalla Fora per effettuare il test, ha segnalato che i risultati che vanno dal febbraio 2013 al febbraio 2014 potevano essere sovrastimati fino al 40 per cento.

Ieri intanto i carabinieri del Nas, Nucleo antisofisticazioni e sanita', si sono recati all'ospedale di Crema (Cremona) per raccogliere informazioni e documenti relativi alla vicenda. "I Nas - spiega Luigi Ablondi, direttore generale dell'Azienda ospedaliera di Crema - hanno richiesto tutta la documentazione concernente la comunicazione ricevuta da Fora, il general contractor che per conto della Abbott, multinazionale del farmaco, ci fornisce il test per dosare la concentrazione di paratormone nel sangue".

La Abbot rifornisce diverse altre aziende ospedaliere lombarde e almeno una ventina di ospedali, solo al nord, hanno utilizzato il kit difettoso. Cinzia Fontana, deputata Pd, ha presentato un'interrogazione in commissione al ministro della Salute.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA