Percorso:ANSA.it > Spettacolo > News

Piroso, la mia domenica a-berlusconiana

Su La7 'Ma anche no', 'basta talk basati su scontro'

04 dicembre, 10:28
Antonello Piroso
Antonello Piroso
Piroso, la mia domenica a-berlusconiana

ROMA - "Renzo Arbore ha dimostrato già 35 anni fa che 'l'altrà domenica, rispetto alla 'domenica inps', era possibile. Io molto più modestamente mi accontento di proporre 'un'altrà domenica". Lo dice Antonello Piroso, alla vigilia del debutto dalle 14 alle 17 di 'Ma anche no', il suo nuovo programma su La7 promosso con uno slogan che, scherza il conduttore, vuole togliere argomenti ai critici tv: "Guardare Piroso la domenica pomeriggio? Ma anche no, per l'appunto".

Il modello - aggiunge il giornalista - è una tv "né berlusconiana né antiberlusconiana ma a-berlusconiana, cioé che prescinde dalla contrapposizione intorno alla figura del Cavaliere. Perché venuto meno lui su cosa ci si sarebbe accapigliati?". "La domenica è ricca di offerte e c'é il calcio - spiega Piroso - ma credo ci sia posto per una trasmissione che si rivolge a una platea forse 'orfana' di un approccio meno enfatico e più ragionato alle storie e alle persone, dove 'ragionato' va inteso come documentato e strutturato in modo brillante, e non come palloso - aggiunge Piroso - I talk show basati sullo scontro tra opposte tifoserie hanno fatto il loro tempo".

A dargli manforte nell'interloquire con gli ospiti quattro giornalisti: Miriam Mafai di Repubblica, Barbara Romano di Libero, Fabrizio Roncone del Corriere della Sera e Andrea Scanzi del Fatto Quotidiano. "Gli esami, come è noto, non finiscono mai - dice inoltre Piroso -, quindi prendo questo appuntamento come una sfida con me stesso per vedere se riesco a piantare un seme nella programmazione dell'emittente. Del resto, la stessa cosa feci quando debuttai con Omnibus: dimostrare che c'era un'alternativa ai soliti contenitori mattutini".

Ospiti della prima puntata il presidente della regione Lombardia Roberto Formigoni, l'amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti, l'attore Giorgio Tirabassi, il cantante Morgan, l'attore Alessandro Siani, il regista Giovanni Veronesi, e una pattuglia di adolescenti per la rubrica "I bambini li guardano". Non mancherà l'interazione con la rete e i social network, i cui frequentatori sono chiamati a esprimere il loro "ma anche no" su temi e personaggi.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni