Percorso:ANSA.it > Speciali > News
Black bloc a Roma Tutti i titoli

Violenza cieca, Roma a ferro e fuoco

22 novembre, 17:50
Uno dei teppisti lancia un estintore Uno dei teppisti lancia un estintore
Violenza cieca, Roma a ferro e fuoco

Una citta' ostaggio per cinque ore della guerriglia: il 15 ottobre, giorno delle pacifiche marce degli Indignati in tutto il mondo, a Roma e' andata invece di scena la violenza cieca di 500 black bloc. E la protesta dei 100 mila manifestanti, colorata e piena di speranze, e' stata completamente offuscata dai blitz dei violenti.

Il bilancio e' pesantissimo: nella Capitale i danni ammontano ad oltre 2 milioni e mezzo, con auto e blindati dei carabinieri date alle fiamme, negozi devastati, banche prese a sprangate. Un centinaio i feriti tra manifestanti e forze dell'ordine. E per poco non c'e' scappato il morto. Il tragico film del G8 del 2001 e' stato sfiorato per poco. E il padre di Carlo Giuliani, tra gli altri, in quelle stesse ore si e' chiesto perche' non li fermavano, ''mi sembra replicato il modello Genova''.

Durante il corteo i manifestanti hanno tentato piu' volte di bloccare i violenti, applaudendo anzi alla polizia quando provava a caricarli.

In piazza San Giovanni la guerriglia è andata avanti un'ora e mezza. E nelle abitazioni intorno la gente impaurita e' rimasta in ostaggio in casa propria.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA