Percorso:ANSA.it > Scienza e medicina > News

Cade tabù, durante travaglio donna può mangiare e bere

Dietro front dei medici, salvo complicazioni che prevedono un parto in anestesia totale

20 gennaio, 08:35
Un reparto di maternità
Un reparto di maternità
Cade tabù, durante travaglio donna può mangiare e bere

ROMA - Può durare anche moltissime ore, eppure quasi ad aumentarle tensione e sofferenze, la donna durante il travaglio 'tradizionalmente' non viene alimentata; ma adesso i medici fanno dietro front e stilano un nuovo verdetto: durante la fase ultima della gravidanza si può mangiare e bere, a meno che non ci siano complicazioni tali da prevedere un parto in anestesia totale.

Il verdetto finale arriva da un maxi studio del gruppo Cochrane condotto da Mandisa Singata, dell'East London Hospital Complex in Sudafrica. Il lavoro, 'Cochrane Systematic Review', si è basato sulla disamina di cinque studi condotti sull'argomento, per un totale di 3.130 donne; ma nessuno degli studi riguardava donne ad alto rischio di anestesia, sottolineano gli esperti, per cui prima di stilare raccomandazioni definitive bisognerà considerare anche questi casi. Per lungo tempo si è protratta l'idea che fosse pericoloso mangiare e bere durante il travaglio; in molti ospedali si applica quindi un 'regime' stretto e la donna non viene alimentata. Il timore da cui nasce questo comportamento medico é che insorgano complicazioni durante il parto e la donna debba andare incontro ad anestesia totale, per cui avere lo stomaco pieno può essere pericoloso.

Ma, soprattutto quando il travaglio è particolarmente lungo, l'astinenza da cibo e acqua può essere stressante per la partoriente; in più già un precedente studio pubblicato sul British Medical Journal faceva notare che anche i cesarei sono ormai praticati in anestesia locale, e quindi anche in questo caso il pericolo da 'stomaco pieno' sarebbe remoto. Nel lavoro i ricercatori si sono concentrati però solo sui casi "di routine", ovvero su parti di gestanti senza o con poche complicazioni, e quindi con bassa probabilità di dover essere sottoposte ad anestesia. Per questi casi mangiare e bere é risultata una pratica del tutto indifferente, senza né rischi né benefici, per l'esito del parto. Quindi, concludono gli esperti, in questi casi sarebbe bene far decidere la donna se vuole mangiare o bere, in attesa che il neonato venga alla luce.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni