Percorso:ANSA.it > Politica > News

Bondi, respinta sfiducia. Anche il premier in Aula

Mozione al ministro dei Beni Culturali fermata alla Camera con 314 no, 292 sì e due astensioni

27 gennaio, 11:47
Bondi
Bondi
Bondi, respinta sfiducia. Anche il premier in Aula

ROMA - L'Aula della Camera ha respinto le mozioni di sfiducia nei confronti del ministro dei Beni culturali Sandro Bondi.

La mozione di sfiducia al ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi è stata respinta con 314 no, 292 sì e due astensioni. Dopo che è stato proclamato il risultato della votazione, dai banchi della maggioranza si è levato un applauso. I votanti sono stati 606 su 608 presenti.

Anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è giunto nell'Aula della Camera per la votazione sulla mozione di sfiducia.

DUE ANNI IN SALITA AL MINISTERO BENI CULTURALI
I due anni trascorsi da Sandro Bondi al Ministero della Cultura non sono stati dei più semplici. Sotto la lente l'operato del ministro e una serie di contestazioni e problemi legati ai crolli di Pompei, ai tagli e ridimensionamenti al settore della Cultura e agli incarichi affidati a persone molto vicine al ministro, tra cui il figlio della compagna. Queste alcune delle tappe che hanno condotto alla mozione di sfiducia.

- TAGLI ALLA CULTURA- Dopo le tante manifestazioni contro i tagli alla cultura (si ricorda, ad esempio, il blitz di tanti personaggi di spettacolo lo scorso anno sul red carpet della Festa internazionale del Cinema di Roma) Bondi, ospite di Michele Santoro nello studio di Annozero, il 18 novembre scorso viene fischiato in diretta da Fontana di Trevi mentre Riccardo Scamarcio si fa portavoce delle richieste del mondo dello spettacolo al Governo.

- CROLLI- Dalla Domus Aurea al Colosseo, fino alla Schola Armaturarum di Pompei e al portale quattrocentesco di Gela, parzialmente crollato il 19 novembre: solo nel 2010 è un bollettino di guerra quello delle notizie sui crolli, piccoli e grandi, a danno del patrimonio culturale italiano.

- NOVEMBRE - DICEMBRE 2010, POMPEI - E' il 5 novembre quando un muro grezzo cede nel giardino di una Domus conosciuta come la 'casa del moralista'. Dalla Domus dei gladiatori ai cedimenti parziali nella 'casa del Moralista' (30 novembre) ed in una bottega della via Stabiana e nella casa del 'Lupanare piccolo' il 1 dicembre, è stato un crescendo di polemiche culminato in occasione del più consistente crollo della 'Schola Armaturarum' avvenuto il 6 novembre.

- PASQUA 2010, DOMUS AUREA A ROMA: Infiltrazioni d'acqua provocano il 30 marzo alla Domus Aurea, da tempo chiusa al pubblico per un lungo lavoro di restauro, il crollo della volta di una delle gallerie traianee, il crollo coinvolge 60 metri quadri di parte muraria della residenza fatta costruire dall'imperatore Nerone.

- MAGGIO 2010, COLOSSEO: Prima dell'alba si stacca e cade a terra da uno degli ambulacri del primo piano, dove di solito vengono allestite le mostre, un pezzo di malta di calce della struttura originale del Colosseo. Cadendo, il pezzo di malta, di circa mezzo metro quadrato e di minimo spessore, rompe la rete di protezione collocata tra gli anni '70 ed '80 degli ambulacri. Non ci sono feriti e non viene ritenuto necessario chiudere il monumento al pubblico.

- INCARICHI E CONSULENZE - "Consulenze a pioggia agli amici degli amici oltre al figlio della sua compagna": così il senatore dell'Idv Stefano Pedica il 30 dicembre 2010 accusava il ministro Bondi. "Distorta la verità", la difesa del ministro della Cultura, a proposito dell'ex marito e del figlio della sua compagna, Manuela Repetti: "Per il figlio di Manuela, Fabrizio Indaco, si tratta di un lavoro interinale a tempo determinato presso una Fondazione che ha una sua autonomia amministrativa e non dipende dal Ministero - dice Bondi -. E' vergognoso che si sia parlato in modo scorretto di una vicenda che riguarda un giovane che lavora per mantenersi gli studi. Su Roberto Indaco (ex marito di Manuela Repetti, ndr) posso solo dire che ho ritenuto di autorizzare una consulenza, modestissima, ad una persona che ne aveva necessità, come avrei potuto darla e come l'ho riconosciuta a qualsiasi altra persona con i requisiti per averla. Anche qui si è gettato fango ingiustamente: nessuno ha commesso alcun illecito".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni