Percorso:ANSA.it > Politica > News

Pdl: Micciche', faccio nuovo partito non sto con La Russa

Berlusconi: nessuna compravendita, quasi tutti eletti con noi

18 settembre, 20:04
Gianfranco Micciche'
Gianfranco Micciche'
Pdl: Micciche', faccio nuovo partito non sto con La Russa
ROMA - "Fondo un partito" che si chiamerà "Partito del popolo siciliano". Lo annuncia al Corriere della Sera, Gianfranco Micciché, sottosegretario con delega al Cipe spiegando che :"il Pdl attuale è incompatibile con i siciliani ed io sono incompatibile con La Russa", un politico, "volgare e violento, un fascista autentico". E "il Pdl - aggiunge - è nelle sue mani". Micciché annuncia che domani il nuovo gruppo sarà battezzato in consiglio regionale. Siamo "Sei deputati regionali sicuri e stanno per diventare di più. Alle elezioni in Sicilia possiamo prendere il 20%, metà dell'elettorato del Pdl che era al 40%". "Il mio progetto è questo - illustra Micciché -: dopo quello siciliano devono nascere il partito del popolo calabrese, quello campano, e così via. Poi si fa un'assemblea costituente per il 'vero partito del Sud'". "Sto facendo un favore a Berlusconi e alla Lega", aggiunge il sottosegretario, "perché - spiega - se si va alle elezioni levo a Fini e Casini la possibilità di pescare nel Mezzogiorno".
 
UN PARTITO IN SICILIA MA A ROMA CON PREMIER - In Sicilia nascerà il Partito del Popolo Siciliano, a Roma col Pdl". Lo dice il sottosegretario alla Presidenza Gianfranco Micciché che sul suo blog chiarisce alcuni passaggi dell'intervista pubblicata oggi dal Corriere della sera. "E' arrivato il momento di rendere concreto il nostro lavoro degli ultimi due anni. Abbiamo il dovere - sostiene Micciché - di fare qualcosa per la nostra Sicilia e per tutto il Sud Italia. L'intervista al Corriere, pur essendo corretta, mette insieme due frasi, entrambe vere, ma non una conseguenza dell'altra: lascio il PdL per dedicarmi interamente alla Sicilia e al Sud e non perché il partito è in mano al ministro La Russa". "Non chiederò a nessuno di uscire dai gruppi del Pdl di Camera e Senato - spiega Micciché - Berlusconi non ha assolutamente nulla di cui trattare con me, non ha neanche bisogno di chiedermelo, perché sa che la mia posizione è del tutto diversa da quella di chi ha fatto altre scelte, sa che sono più berlusconiano di lui. In Parlamento noi siamo nel Pdl e ci restiamo. In Sicilia facciamo il "Partito del popolo siciliano", perché convinti che sia la strada giusta per quella rivoluzione siciliana che non si è ancora compiuta, anzi non è nemmeno cominciata". "Facciamo il partito solo nell'interesse del popolo siciliano" il sottosegretario con delega al Cipe.
 
CICCHITO A MICCICHE', NON E' MOMENTO INIZIATIVE LOCALI - Pollice verso del capogruppo Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, all' iniziativa del sottosegretario Gianfranco Micciché. "Non credo che sia questo il momento di iniziative locali e parcellizzate - ha detto Cicchitto -. Micciché ha dato molto politicamente a Forza Italia, può dare ancora molto ancora al Pdl. Credo però che va consolidato il Pdl nella storia di Forza Italia, di An, di altre componenti politiche. Casomai il problema nostro è di aprirci al confronto con i moderati e con i riformisti che esistono anche al di fuori del centrodestra, più che parcellizzare e localizzare delle vicende che hanno uno spessore politico e culturale maggiore".
Quanto allopposizione, Cicchitto ha spiegato: "Riteniamo che l'Udc possa superare la sua crisi tenendo conto del fatto che non potrà mai andare con il centrosinistra, un centrosinistra dominato da ex comunisti e dalla presenza di Di Pietro. E cogliamo anche il dibattito che è in corso nel Pd dove - ha concluso - è evidente che c'é un'area di componente cattolica che proviene dalla Margherita che si trova in una situazione di estremo disagio".
 
BERLUSCONI: NESSUNA COMPRAVENDITA, QUASI TUTTI ELETTI CON NOI
di Yasmin Inangiray
 
Non e' in atto nessuna compravendita. Silvio Berlusconi apre la riunione del consiglio dei Ministri e prova a sgombrare il campo dalle polemiche degli ultimi giorni che lo vedrebbero impegnato nella ricerca di voti esterni alla maggioranza in vista del suo intervento in Parlamento previsto per il 28 settembre. Il Cavaliere, a quanto raccontano diversi ministri, si e' detto convinto che il governo potra' contare su tutti i voti degli eletti nelle file del centrodestra. E gli esempi citati dallo stesso Berlusconi sono i parlamentari di 'Noi Sud' e quelli del Mpa che, ha sottolineato, fanno gia' parte della maggioranza.
Certo, a diversi esponenti del governo, non e' pero' sfuggito il riferimento del premier al sostegno che potrebbe arrivare da quei parlamentari per senso di responsabilita' o perche' condividono l'azione dell'esecutivo. Berlusconi non cita mai l'Udc ma sono in diversi ministri a interpretare quelle parole come un chiaro riferimento ai centristi. In particolare alla pattuglia dei siciliani da giorni in polemica con il leader Pier Ferdinando Casini e critici nell'appoggiare il nuovo esecutivo del governatore siciliano Raffaele Lombardo. Il discorso dunque sull'ampliamento dei confini dell'attuale maggioranza e' tutt'altro che chiuso. Tant'e' che il ministro per l'Attuazione Gianfranco Rotondi lega la nomina del nuovo ministro dello Sviluppo Economico (anche oggi fumata nera dal Cdm) ai ''mutamenti del quadro politico'' che potrebbero esserci in vista del discorso di Berlusconi in Aula. Da parte del Cavaliere poi non manca certo l'attenzione ai 'piccoli' che sono in Parlamento. Domenica infatti dovrebbe intervenire telefonicamente alla festa di 'Noi Sud' ad Avellino.
 
Mentre domani avra' l'occasione di tornare a parlare della situazione politica intervenendo alla festa della Destra di Francesco Storace, a Taormina. Dalla prossima settimana invece il premier si tuffera' nella messa a punto del discorso che terra' in Parlamento a fine settembre. Con i suoi fedelissimi ha iniziato a discutere il filo conduttore dell'intervento che nelle sue intenzioni dovra' essere un messaggio alla nazione e di alto profilo istituzionale. Intanto, tra Pdl e Fli la tensione resta alle stelle. Fabrizio Cicchitto invita i finiani a fare una scelta e cioe' dar vita ad un nuovo partito oppure rientrare nel Pdl: ''Lo scontro politico in Italia - sostiene il capogruppo del Pdl alla Camera - ha prodotto molteplici situazioni, ma non era mai avvenuto che da un partito derivassero due gruppi parlamentari senza che da cio' non si verificassero conseguenze anche per quello che riguarda il partito in quanto tale''.
 
La presa di posizione non piace ai diretti interessati che replicando tirando in ballo il ''dossieraggio in atto dalla stampa berlusconiana contro il Capo dello Stato'': ''Non intendo rompere l'idillio politico in corso, si tratti di pace o tregua armata - sottolinea il finiano Carmelo Briguglio - ne' ho nulla di personale contro il Giornale o Libero, ma vorrei segnalare che sui due quotidiani piu' vicini al presidente del Consiglio oggi appaiono rispettivamente un articolo dal titolo 'I servizi segreti seguono la pista che porta ai Caraibi' e un pezzo intitolato 'Gli scheletri nell'armadio di Napolitano''.

 

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni