Percorso:ANSA.it > Politica > News

F.Cristiana contro politici-federalismo,lite con Bossi

Settimanale, vuoto leadership; senatur, scemi e ignoranti

10 agosto, 22:09

CITTA' DEL VATICANO - "Un Paese maturo, che deve mirare allo sviluppo e alla pacifica convivenza dei cittadini, non può continuare con uomini che hanno scelto la politica per 'sistemare' sé stessi e le proprie 'pendenze'". E' un giudizio tranciante, senza mezzi termini, quello con cui Famiglia Cristiana irrompe nel dibattito politico, puntando il dito contro il "vuoto di leadership" e "l'assenza in Italia di una classe dirigente all'altezza della situazione". Famiglia Cristiana se la prende anche con un 'federalismo' che sa di secessione ed è senza anima e solidarietà, facendo scattare la dura reazione del leader della Lega Umberto Bossi: "Chi ha scritto ciò è scemo e ignorante", ha replicato il Senatur.

Nel 'Primo piano' del nuovo numero, il settimanale cattolico se la prende non solo con la politica che "non svolge la funzione che dovrebbe competerle", ma anche con le "analoghe carenze" del mondo imprenditoriale e della società civile. "Mancano persone capaci di offrire alla nazione obiettivi condivisi. E condivisibili", scandisce Famiglia Cristiana. "Non esistono programmi di medio e lungo termine. Non emerge un'idea di bene comune, che permetta di superare divisioni e interessi di parte. Se non personali". Di fronte a questo, per il settimanale, "l'opinione pubblica, sebbene narcotizzata dalle tv, è disgustata dallo spettacolo poco edificante che, quasi ogni giorno, ci viene offerto da una classe politica che litiga su tutto.

Lontana dalla gente e impotente a risolvere i gravi problemi del Paese". Famiglia Cristiana ricorda anche la richiesta della Chiesa di 'uomini nuovi'' e l'appello lanciato da Papa e vescovi, "Giovani politici cattolici cercansi", per invitare i credenti più impegnati "a misurarsi con il destino della nazione", con la coscienza, da parte della comunità ecclesiale, che "anche il mondo cattolico deve fare la sua parte. E assumersi di più i ruoli che contano".

L'affondo del settimanale ha scatenato una serie di reazioni - di vario segno - da parte del mondo politico. Il ministro per l'Attuazione del programma Gianfranco Rotondi parla di una vera e propria "militanza" di "alcuni editorialisti" di Famiglia Cristiana "contro Berlusconi, reo, come la gran parte dei dc, di essere un cattolico non di sinistra". Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi rivendica il buon lavoro del governo, specie su temi 'sensibili' come la famiglia, la bioetica, la lotta alla droga, l'immigrazione, "malgrado gli insulti settimanali di Famiglia Cristiana". Per il sottosegretario ai Beni culturali Francesco Giro, Famiglia Cristiana ormai è addirittura "portavoce del disfattismo nazionale. Critica sempre - spiega - e non propone nulla". Sul fronte opposto, la presidente dell'Assemblea del Pd Rosy Bindi dice di "condividere un giudizio severo", ma invita a non "mettere tutti sullo stesso piano", perché "ci sono responsabilità precise". Per il presidente dei senatori dell'Idv, Felice Belisario, quella di Famiglia Cristiana e una "bocciatura sonora per chi, al governo del Paese da due anni e con una maggioranza solidissima, sta portando l'Italia in rovina sia dal punto di vista etico che economico". "Condivisione delle preoccupazioni" espresse dal settimanale dei Paolini viene anche dal capogruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi.

La denuncia di Famiglia Cristiana arriva nel giorno in cui il presidente dei vescovi italiani, cardinale Angelo Bagnasco, durante la messa a Genova per la solennità di San Lorenzo, ha fatto appello "alla dimensione etica della vita personale e sociale", sulla base della consapevolezza della Chiesa che "alla radice di tanti mali e di tante povertà" vi è il "sottosviluppo morale" di cui parla anche Benedetto XVI nella sua 'Caritas in veritate'. Il quotidiano della Cei, 'Avvenire', ha oggi stigmatizzato invece l'"esordio laicista" dei finiani di Fli, criticando la "sortita sui temi etici" del vice capogruppo alla Camera, Benedetto Della Vedova, con l'annuncio di iniziative in favore delle unioni gay e per l'azzeramento della legge sul fine vita.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni