Percorso:ANSA.it > Politica > News

Busi: rinuncio a condurre un Tg1 di parte

Minzolini: accuse false, volevo spostarla alle 13

21 maggio, 22:33
Maria Luisa Busi
Maria Luisa Busi
Busi: rinuncio a condurre un Tg1 di parte
(di Nicoletta Tamberlich)
 
ROMA - Maria Luisa Busi sbatte la porta e dice addio alla conduzione del Tg1, perche' non si riconosce piu' in una testata ''parziale e di parte''. Il suo direttore Augusto Minzolini respinge l'accusa di fare un giornale fazioso ma dice che aveva gia' pensato di spostare la conduzione della giornalista all'edizione delle 13, in vista di un restyling del Tg.
 
Il caso apre un dibattito politico: se la maggioranza difende il direttore del Tg della rete ammiraglia, l'opposizione chiede al Cda, al presidente e al direttore generale della Rai di intervenire. Paolo Garimberti definisce l'accaduto ''un segnale preoccupante'' spiegando di aver sollevato anche ieri ''per l'ennesima volta'' in Cda ''la questione della qualita' dell'informazione Rai, segnatamente nei telegiornali''. La bomba Busi scoppia di buon mattino: la giornalista, annuncia l'addio in una lettera di tre cartelle e mezzo al suo direttore e al Comitato di Redazione e per conoscenza ai vertici aziendali. La decisione di affiggerla in bacheca e' stata del Cdr del Tg1 e la Busi l'aveva lasciata prima alla segretaria del direttore che non era in sede. Nella missiva spiega come un l'unico ''strumento'' che ha un conduttore per difendere le sue prerogative professionali, e' quello di ''togliere la sua faccia' dal video. L'affondo e' esplicito: ''Caro direttore - scrive - considero la linea editoriale che hai voluto imprimere al giornale una sorta di dirottamento, a causa del quale il TG1 rischia di schiantarsi contro una definitiva perdita di credibilità nei confronti dei telespettatori''. A stretto giro arriva la replica di Minzolini ''il mio telegionale non e' mai stato di parte, ho sempre dato voce a tutti e gli ascolti mi hanno dato ragione. Non condivido neanche una riga della sua lettera''. Spiega quindi, come nell'ambito della rinnovamento del telegiornale nei giorni scorsi aveva ''ragionato'' con la direzione dell'ufficio del personale sull'eventualita' di spostarla all'edizione delle 13. Rinnovamento spiega ''del quale deve far parte anche la scelta di un nuovo volto per l'edizione del tg delle 20''. L'abbandono arriva dopo una serie di scontri con Minzolini. L'ultimo il primo aprile scorso quando la giornalista concesse un'intervista a Repubblica in cui criticava la decisione, presa dal direttore, di rimuovere tre conduttori storici del telegiornale. Busi definiva la sostituzione dei tre una 'rappresaglia' contro coloro che non avevano firmato la lettera a favore del direttore sul caso Mills. Minzolini, il giorno dopo l'intervista, aveva inviato alla Busi una lettera di contestazione formale per non aver chiesto alla Rai l'autorizzazione per l'intervista. Alla lettera Busi rispose rivendicando il diritto, sancito dalla Costituzione e dallo Statuto dei lavoratori, a esprimere liberamente il suo pensiero, tanto piu' in veste di consigliere nazionale della Federazione nazionale della stampa. Oggi la rinuncia alla conduzione. ''Dove dove sono le donne e gli uomini che hanno perso il lavoro? Dov'e' questa Italia che abbiamo il dovere di raccontare? Quell'Italia esiste. Ma il tg1 l'ha eliminata''. Secondo la rappresentanza sindacale del Tg1 ''testimonia il suo disagio e quello che attraversa una parte della redazione sull'indirizzo che Minzolini ha fatto prendere al Tg1''. A ruota le prese di posizione dei consiglieri di amministrazione di minoranza: Nino Rizzo Nervo dice ''adesso basta. Devono intervenire il presidente e il direttore generale con urgenza sulla situazione che si è creata al Tg1''. Per Giorgio Van Straten Minzolini ''ha trasformato il Tg1 in una velina governativa e in un ricettacolo di pseudo-notizie''. Forte condanna arriva dal Pd e Idv ''al Tg1 - spiega la presidente del Pd Rosy Bindi - si sta consumando una profonda lacerazione, con una grave perdita di credibilita' E' necessario e urgente un intervento del presidente della Vigilanza Rai''. Per Antonio Di Pietro ''e' inammissibile cio' che sta accadendo in Rai: giornalisti dalla schiena dritta mortificati e penalizzati per far posto alle pecorelle telecomandate da Palazzo Grazioli''. Al contrario il consigliere Rai di maggioranza Antonio Verro considera ''non condivisibili'' le motivazioni addotte dalla giornalista e si augura ''che non siano strumentali a qualche altro ragionamento di tipo politico''. Difende Minzolini anche il vice presidente della commissione di Vigilanza Giorgio Lainati, che, dice ''ha tutto il diritto di decidere una linea''. A fine giornata la giornalista si reca alla presentazione del libro di Giulio Borrelli, ex direttore del Tg1: ''dobbiamo ricordarci sempre che le redazioni restano e i direttori passano''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni