Percorso:ANSA.it > Politica > News

La motivazioni della sentenza: Berlusconi 'corresponsabile'

In 140 pagine spiegata la condanna di Fininvest al pagamento di 750 milioni a favore della Cir

06 ottobre, 09:33

LODO MONDADORI: GIUDICE SPIEGA IL DANNO DA PERDITA DI CHANCE

LODO MONDADORI: GIUDICE SPIEGA IL DANNO DA PERDITA DI CHANCE

MILANO - Silvio Berlusconi è "corresponsabile della vicenda corruttiva" alla base della sentenza con cui la Mondadori fu assegnata a Fininvest. Lo scrive il giudice Raimondo Mesiano nelle 140 pagine di motivazioni con cui condanna la holding della famiglia Berlusconi al pagamento di 750 milioni di euro a favore della Cir di Carlo De Benedetti.

Nelle motivazioni, il giudice scrive: "e' da ritenere, 'incidenter tantum' e ai soli fini civilistici del presente giudizio, che Silvio Berlusconi sia corresponsabile della vicenda corruttiva per cui si procede".

La "corresponsabilità" di Silvio Berlusconi, sostiene il giudice Mesiano, comporta "come logica conseguenza" la "responsabilità della stessa Fininvest", questo "per il principio della responsabilità civile delle società di capitali per il fatto illecito del loro legale rappresentante o amministratore, commesso nell'attività gestoria della società medesima".

Il giudice scrive che "vale osservare che i conti All Iberian e Ferrido erano conti correnti accesi su banche svizzere e di cui era beneficiaria economica la Fininvest. Non è quindi assolutamente pensabile - saggiunge - che un bonifico dell'importo di Usd 2.732.868 (circa tre miliardi di lire) potesse essere deciso ed effettuato senza che il legale rappresentante, che era poi anche amministratore della Fininvest, lo sapesse e lo accettasse". "In altre parole - conclude i-, il tribunale ritiene qui di poter pienamente fare uso della prova per presunzioni che nel giudizio civile ha la stessa dignità della prova diretta (rappresentazione del fatto storico). E', come è noto, la presunzione un argomento logico, mediante il quale si risale dal fatto noto, che deve essere provato in termini di certezza, al fatto ignoto".

IN BORSA OCCHI SU CIR - Piazza Affari tiene alta l'attenzione su Cir. Il titolo, in asta di volatilita' in apertura di seduta, continua a correre in rialzo dell'11,87% a 1,6 euro dopo la sentenza del Tribunale di Milano che le ha riconosciuto il diritto al risarcimento del danno patrimoniale da 'perdita di chance' nell'ambito del Lodo Mondadori. Fininvest dovra' versare circa 750 milioni di euro ma gia' si attendono le contromosse dei legali che, attorno a meta' settimana, dovrebbero presentare alla Corte d'Appello civile un'istanza per chiedere di sospendere l'esecutivita' della sentenza prima di passare all'impugnazione. In Borsa Mondadori, dopo un avvio in calo, ha invertito il corso e dopo tre sedute consecutive in ribasso ora rimbalza in rialzo del 2,6% a 3,35 euro. Gli ordini in vendita si concentrano su Mediaset (-1,14% a 4,5 euro) e Mediolanum (-1,37% a 4,51 euro). Cir beneficia dei report positivi delle banche d'affari in particolare Akros che consiglia 'accumulate' dal precedente 'hold'. Alzano il prezzo obiettivo Cheuvreux, Equita Sim, Intermonte e Banca Leonardo.

PRONTA CONTROMOSSA FININVEST

I legali della Fininvest sono pronti a depositare un'istanza di sospensione dell'esecutività della sentenza con cui il Tribunale civile di Milano ha condannato la società a versare, a titolo di risarcimento, quasi 750 milioni di euro alla Cir di Carlo De Benedetti nell'ambito della vicenda del Lodo Mondadori. E' quanto è filtrato dal collegio di avvocati di Fininvest i quali depositeranno la richiesta di sospensiva solo dopo la lettura delle motivazioni del provvedimento, che contano di avere in mano già domani mattina. L'istanza sarà depositata alla Corte d'Appello civile.

Intanto monta la polemica politica. Il Pdl si appresta ad organizzare una "grande manifestazione popolare", annuncia il presidente dei deputati Fabrizio Cicchitto, denunciando come sia evidente che "l'attacco al presidente Berlusconi, da precisi settori politici e finanziari" sia "concentrico e lungo più direttrici che vanno dal gossip all'evocazione degli attentati di mafia del '92, ad altro ancora che si prepara e, adesso, a questa sentenza civile dalle proporzioni inusitate ben studiata anche nei tempi''. "Ovviamente - aggiunge Cicchitto - il beneficiario è De Benedetti, il vero leader della sinistra editoriale e finanziaria. Infatti, la debolezza della sinistra politica è surrogata dalle iniziative giudiziarie, finanziarie e editoriali. Il tutto avviene mentre lo scandalo reale della Regione Puglia è tenuto coperto usando le D'Addario di turno. L'obiettivo è sempre quello: manipolare
con manovre di palazzo la vittoria elettorale del 2008, che evidentemente non è accettata da una serie di ambienti".

Dello stesso avviso il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone. "Si apre una settimana nella quale qualcuno coltiva la speranza di una manovra a tenaglia contro Berlusconi: il 'primo tempo' si è consumato ieri con il verdetto di primo grado sul Lodo Mondadori, il 'secondo tempo' si compirebbe con il giudizio della Consulta sul Lodo Alfano". Gli obiettivi? "Per un verso - sostiene Capezzone - un colpo violento contro Fininvest e Mediaset, e per altro verso un colpo altrettanto pericoloso contro il Governo. Ci sono ambienti - conclude - che puntano su questo combinato disposto per tentare di sovvertire le decisioni politiche liberamente e democraticamente prese dagli elettori, che hanno scelto Berlusconi e il Pdl". "Ma chi ha queste mire - avverte - si illude: il Governo è saldissimo e gli italiani non hanno alcuna intenzione di farsi scippare dai soliti ambienti che puntano al potere anche senza avere il consenso popolare".

Di parere opposto l'opposizione. "Urla scomposte - replica il PdCI attraverso il coordinatore della segreteria nazionale, Alessandro Pignatiello -. Gridare al complotto o alla 'giustizia ad orologeria', ogni qual volta avvengono sentenze non gradite al premier, è tipico di chi ha una concezione del diritto, e dello Stato, alquanto pericolosa. Dal Pdl meno senso del ridicolo e più serietà non guasterebbe".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni