Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Usa, Senato boccia intesa sulle armi

Repubblicani compatti sul no, non passa maggior controllo. Obama: 'Giorno vergognoso'

18 aprile, 12:51
Senato Usa boccia intesa su armi
Senato Usa boccia intesa su armi
Usa, Senato boccia intesa sulle armi

''Oggi è una giornata vergognosa per Washington. Ma non è finita qui. La mia amministrazione farà di tutto per proteggere la nostra comunita' dalla violenza delle armi''. Teso in volto, Barack Obama contiene a stento la sua rabbia contro il Senato che ha appena bocciato un passaggio chiave sull'attesissima riforma sul controllo delle armi, una legge chiave per questo suo secondo mandato. Parla dal Giardino delle Rose della Casa Bianca, circondato da una decina di genitori delle piccole vittime di Newtown.

Al suo fianco il vice Joe Biden e Gabrielle Giffords, l'ex parlamentare democratica sopravvissuta alla strage di Tucson. E da allora in prima linea per nuove regole contro le armi facili. Il primo a parlare e' un padre di uno dei bimbi maciullati dalla follia omicida di Adam Lanza, lo scorso 14 dicembre nella scuola elementare Sandy Hook. Assieme ad altri genitori hanno passato le ultime giornale a Capitol Hill, a mo' di lobbisti per convincere i senatori incerti a votare si' alla riforma. ''Torniamo a casa delusi ma non sconfitti. Determinati a capovolgere quello che e' successo oggi. Andremo avanti. Certo - conclude quasi in lacrime - il mio cuore oggi e' spezzato, ma non il mio spirito''.

Quindi il presidente affronta subito di petto il voto del Congresso: ''Pochi minuti fa una minoranza del Senato, distorcendo le regole, e' riuscita a bloccare un accordo di compromesso di senso comune sull'estensione dei controlli, condivisa dal 90% degli americani''. Quindi, inorridito dalle critiche ricevute per aver agevolato la partecipazione dei parenti delle vittime reagisce rabbioso: ''Mi hanno detto di aver fatto sensazionalismo, di aver sfruttato il loro dolore per motivi politici. Ma c'e' qualcuno che pensa sul serio che il loro tormento dovesse rimanere fuori dal dibattito, che non avessero il diritto di parlare?''.

Infine, rilanciando la sfida, conclude fermo: ''Il giorno dopo Newtown assieme a tutto il Paese prendemmo l'impegno che nulla poteva rimanere cosi' com'e'. E quelle parole, quella sfida vangono ancora''. - Il Senato boccia l'intesa bipartisan sull'estensione dei controlli sui compratori delle armi. Un durissimo colpo sul futuro dell'intera riforma. Come ampiamente previsto il partito repubblicano s'é compattato. E i promotori del testo non sono riusciti a ottenere i voti necessari.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni