Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Quattro morti in scontri chavisti-oppositori

Maduro, presidente eletto, aveva fatto appello ieri sera alla mobilitazione contro le proteste dell'oppoisizione al voto

16 aprile, 18:55
Sostenitori Capriles in piazza
Sostenitori Capriles in piazza
Quattro morti in scontri chavisti-oppositori

E' di almeno sette morti il bilancio delle vittime negli scontri che si sono verificati a Caracas tra oppositori e chavisti. Lo rendono noto fonti ufficiali.

"Abbiamo aperto un'inchiesta penale" sulle violenze della notte scorsa, ha detto Luisa Ortega Diaz, responsabile della Procura generale venezuelana, precisando che 135 persone sono state arrestate dalle forze dell'ordine. Ortega Diaz ha aggiunto che potrebbero essere accusate per "associazione per delinquere". "Ho controllato le immagini che mi sono arrivate, e ho notato lo stesso formato del golpe del 2002", ha proseguito Ortega Diaz.

MADURO DENUNCIA TENTATIVO GOLPE  Il presidente eletto del Venezuela, Nicolas Maduro, accusa l'opposizione di "preparare un colpo di Stato contro le istituzioni democratiche", cercando di "attizzare fuochi di violenza, come in Siria e in Libia. Chi sceglierà la strada della violenza e del sabotaggio troverà lo Stato, e dovrà vedersela con la legge". In una intervista trasmessa dalla tv pubblica, Maduro ha detto che oltre ai "cacerolazos" (protesta a suon di pentole) si sono registrati attacchi contro funzionari pubblici -compresa la presidente del Consiglio Nazionale Elettorale (Cne), Tibisay Lucena-. "I responsabili di queste violenze finiranno in carcere", ha ammonito. Il presidente eletto sostiene che le violenze sono attribuibili a "gruppi fascisti" appoggiati dalla Mesa de Unidad Nacional (Mud), la coalizione di opposizione del candidato Henrique Capriles, e "all'imperialismo americano". Il presidente dell'Assemblea Nazionale (An), Diosdado Cabello, in una serie di messaggi su Twitter, ha detto che "domani chiederemo l'apertura di una inchiesta penale contro Capriles per la violenza generata nel paese", e ha lanciato al leader oppositore: "Capriles, fascista, mi assicurerò personalmente che tu paghi per il danno che stai causando alla nostra Patria e al nostro Popolo".

 Il presidente eletto venezuelano Nicolas Maduro ha fatto appello ieri sera alla mobilitazione "in tutto il paese" contro le proteste lanciate dai sostenitori dell'opposizione, che contestano la sua elezione. "Continuo a fare appello alla pace: faccio appello al popolo a combattere nella pace", ha dichiarato Maduro nel corso di una conferenza stampa al palazzo presidenziale, chiedendo "manifestazioni attraverso tutto il paese" oggi e domani. L''appello di Maduro interviene dopo che migliaia di manifestanti sono scesi nelle strade di Caracas, all'appello del suo avversario Henrique Capriles, per protestare contro la proclamazione della sua vittoria alle presidenziali e chiedere un riconteggio dei voti. Richiesta rigettata dal nuovo presidente venezuelano, che l'ha qualificata come "capricci borghesi". Maduro, delfino del defunto leader Hugo Chavez, è stato ufficialmente eletto col 50,75% dei voti contro il 48,97% di Capriles nello scrutinio organizzato dopo la morte del carismatico dirigente socialista, stroncato da un cancro il 5 marzo scorso.

TENSIONI CON SPAGNA DOPO DICHIARAZIONI RAJOY  Nuove tensioni tra Spagna e Venezuela: il presidente venezuelano eletto, Nicolas Maduro, ha chiesto al governo di Madrid di scusarsi dopo che il ministro degli esteri, José Manuel Garcia-Margallo, aveva chiesto una verifica dei risultati delle elezioni presidenziali di domenica, perse sul filo del rasoio dal leader dell'opposizione Enrique Capriles . Maduro ha esortato l'esecutivo di Mariano Rajoy a ritirare le critiche alle elezioni presidenziali o, in caso contrario, ha avvertito che Caracas "prenderà misure a tutti i livelli". "Attenta, Spagna", ha ammonito il nei presidente nel suo primo discorso dopo la proclamazione ufficiale della vittoria. "Il Governo della Spagna ce l'ha con il degno popolo del Venezuela - ha aggiunto - Devono rispettare per essere rispettati". "Il popolo del Venezuela si è già liberato. Siamo il popolo di Bolivar che da tempo ha sconfitto le truppe del re" ha quindi chiosato Maduro invitando Madrid "a occuparsi" dei propri problemi, cioè "il 25% di disoccupazione, gli sfratti dei lavoratori, il nuovo pacchetto di misure neoliberali, che portano distruzione e fame". Nel 2007, in occasione di un vertice ibero-americano a Santiago del Cile, re Juan Carlos aveva apostrofato l'ex presidente del Venezuela, Hugo Chavez, chiedendogli bruscamente di stare zitto, dopo che aveva definito l'allora premier spagnolo Josè Maria Aznar "un fascista".

Nicolas Maduro è stato proclamato quale presidente eletto del Venezuela malgrado le contestazioni e a Caracas si sono sentiti i primi 'cacerolazos' (proteste con pentole), iniziativa promossa dal leader dell'opposizione antichavista Henrique Capriles. Oltre alle 'cacerolas' in diversi quartieri della capitale si sono chiaramente sentiti i clacson di autobus, camion e auto, proprio quale segnale di protesta contro la proclamazione di Maduro quale capo dello Stato.

Dopo le elezioni di ieri, Nicolas Maduro è stato formalizzato in veste di presidente eletto del Venezuela dalla responsabile del Consiglio nazionale elettorale (Cne) a Caracas, Tibasay Lucena. L'opposizione contesta il risultato ufficiale del voto e la proclamazione.

Nicolas Maduro, delfino di Hugo Chavez e candidato 'chavista', ha vinto le elezioni presidenziali in Venezuela con il 50,66% dei voti, contro il 49,07% ottenuto dal candidato oppositore Henrique Capriles.

Maduro ha lanciato un appello ''a favore della pace e dell'amore'', dopo aver dichiarato che ha ''vinto per quasi 300 mila voti: e' la decisione del popolo''. In un discorso iniziato appena qualche minuto dopo la proclamazione dei risultati da parte del Cne, Maduro ha detto che ''rispetta'' chi ha votato per Capriles e ha chiamato alla ''pace e la tolleranza''. Il presidente eletto, che era gia' presidente ad interim, ha sottolineato che non si opporra' a una riconta di controllo dello scrutinio del voto, dopo che l'opposizione ha parlato di irregolarita' registrate durante la giornata elettorale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni