Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Maro' via da Kerala: 'Felici, c'era pressione'

'L'India riconosca la giurisdizione dello 'stato di bandiera' sulle navi in acque internazionali'

18 gennaio, 16:33
Latorre e Girone arrivano all'hotel di Kochi dopo la notizia
Latorre e Girone arrivano all'hotel di Kochi dopo la notizia
Maro' via da Kerala: 'Felici, c'era pressione'

La Corte Suprema ha disposto oggi la creazione di un tribunale speciale a New Delhi per esaminare l'incidente che ha coinvolto in febbraio i marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. I giudici hanno stabilito "l'incompetenza" dello Stato del Kerala che "non aveva giurisdizione" per intervenire dato che "il fatto non era avvenuto nelle acque territoriali indiane".

Rendendo nota una sentenza attesa dallo scorso 4 settembre, i giudici Altamas Kabir e J.Chelameswar hanno puntualizzato che a loro avviso invece "lo Stato centrale indiano ha giurisdizione", per cui il caso dovrà essere trattato a New Delhi da un tribunale speciale costituito in coordinamento dal governo e dalla stessa Corte Suprema. Dalla lettura della sentenza è emerso anche che ad avviso della Corte nel loro servizio sulla Enrica Lexie "i marò non godevano di quella immunità sovrana" che avrebbe determinato automaticamente l'applicazione della giurisdizione italiana.

I giudici hanno quindi preannunciato la firma in giornata di una ordinanza per l'immediato trasferimento dei due militari a New Delhi dove, in attesa dell'inizio dei lavori del tribunale, avranno "piena libertà di movimento nel territorio indiano". L'avvocato Arish Salve, che ha guidato il collegio dei legali della difesa ha detto all'ANSA di essere "molto soddisfatto per questa sentenza" perché "elimina il problema del Kerala". Negli ambienti della delegazione italiana presente nell'aula della Corte, fra cui anche l'ambasciatore Daniele Principe, la sentenza odierna è stata valutata positivamente. "Finalmente l'India - ha osservato un partecipante italiano - ha deciso di fare chiarezza su questa vicenda".

MARO' ALL'ANSA, 'CONTENTI LASCIARE KERALA' - "Siamo contenti di andare via perché in Kerala c'era troppa pressione nei nostri confronti". E' questo l'unico commento rilasciato oggi dai marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone al momento dell'imbarco su un volo diretto a New Delhi. Lo riferisce la giornalista dell'ANSA che viaggia con loro.

Latorre e Girone hanno lasciato oggi Kochi, nello Stato indiano del Kerala, dove si trovavano da undici mesi. Lo ha costatato l'ANSA sul posto. Un aereo di Air India è decollato intorno alle 20,20 locali (15,50 italiane) diretto a New Delhi dove arriverà dopo tre ore e 20 minuti di volo.

GOVERNO FIDUCIOSO, OBIETTIVO RIPORTARLI A CASA - La decisione della Corte Suprema indiana "incoraggia l'ulteriore impegno" del governo per riportare i due marò in Italia. Lo afferma una nota dell'Esecutivo che si dice "fiducioso" sul fatto che l'India riconoscerà "l'esclusiva giurisdizione dello "Stato di Bandiera" sulle navi operanti in acque internazionali.

"La Corte Suprema dell'India ha riconosciuto le motivazioni del ricorso del governo italiano contro la detenzione dei fucilieri di Marina, Salvatore Latorre e Massimiliano Girone, che potranno ora lasciare lo Stato del Kerala e recarsi a New Dheli", si legge in una nota diffusa da palazzo Chigi. "L'Alta Corte ha riconosciuto che i fatti avvennero in acque internazionali e che la giurisdizione non era della magistratura locale del Kerala. La decisione incoraggia l'ulteriore impegno già assicurato in questi mesi dalla Repubblica italiana. Il Governo prende atto che la valutazione sulla giurisdizione dovrà essere elaborata da un Tribunale speciale, non ancora costituito. Ed è fiducioso che la magistratura e le istituzioni federali indiane opereranno nel pieno rispetto delle leggi internazionali che riconoscono l'esclusiva giurisdizione dello 'Stato di Bandiera' sulle navi operanti in acque internazionali". "Per il Governo italiano - conclude la nota - l'obiettivo resta il rientro in Italia dei nostri due militari".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni