Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Film anti-islam girato a Hollywood da regista porno

Produttore interrogato da Fbi. Titolo originale su Bin Laden?

15 settembre, 21:17

di Serena Di Ronza

Girato su un set di Hoollywood, lo stesso di 'Iron man' e delle serie tv 'Csi' e 'Jag', da un regista porno, Alan Roberts. Il mistero sul film anti-islam che ha infiammato i paesi della primavera araba non sembra sciogliersi, almeno non del tutto: il film - secondo quanto riferito da Steve Klein, consulente della sceneggiatura e portavoce del film che si descrive come un "James Bond non sofisticato" - sarebbe stato proiettato per la prima volta al Vie Theatre di Los Angeles in giugno, con il titolo iniziale di 'L'innocenza di Bin Laden'. Una delle poche certezze è che Nakoula Basseley Nakoula, un copto cristiano che sarebbe fra i produttori del film, è stato sentito dalle autorità americane, inclusa l'Fbi.

Nakoula, prelevato dalla sua abitazione dopo la mezzanotte californiana, è stato sentito volontariamente: ha lasciato la sua casa a Cerritos, nelle vicinanze di Los Angeles scortato dalla polizia e con il volto interamente coperto per evitare di diventare bersaglio di eventuali minacce di morte che hanno già raggiunto il consulente della sceneggiatura e portavoce del film, Steve Klein. L'Fbi "mi vorrebbe nascosto ma io detto no" afferma Klein, sottolineando che il film doveva essere proiettato solo a Hollywood e per pubblicizzarlo erano stati distribuiti "volantini nelle moschee della California dove era risaputo che si nascondesse una piccola percentuale di terroristi, di persone che ritengono che Osama Bin Laden fosse un bravo ragazzo". Joseph Nasralla, amico di Klein e presidente dell'organizzazione no profit Media for Christ alla quale si ricondurrebbe la richiesta per il permesso a girare il film, sarebbe già nascosto.

Nasralla è famoso per le sue posizioni anti-islam ed è il numero uno di Media for Christ, la cui missione è quella di "far brillare la luce di Gesù nel mondo". All'organizzazione aderiscono i cristiani evangelici antimusulmani americani, quali il pastore della Florida, Terry Jones, famoso per aver incendiato il Corano. Jones nei giorni scorsi e Nasralla nelle ultime ore hanno preso - riporta la stampa americana - le distanze dal film. Il permesso per girarlo, però, sarebbe stato chiesto proprio da Media for Christ. La richiesta è stata avanzata per girare quello che inizialmente era conosciuto come 'Desert Warriors'. Il film è stato realizzato da Alan Roberts, il 65enne regista di film porno e a budget ridotto, quali 'La giovane Lady Chatterley II' e 'Karate Cop'. Il vero nome di Roberts sarebbe Robert Brownell: è lui che avrebbe selezionato il cast del film 'Desert Warriors', questo il nome usato per richiedere il permesso a girare. A introdurlo alle regia del film sarebbe stato lo stesso Nakoula.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni