Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Mali: integralisti distruggono entrata moschea a Timbuctu

Rappresaglia contro Unesco che ha inseritoTimbuctu nella lista del patrimonio mondiale in pericolo.

03 luglio, 10:13
Il minareto della moschea di Timbuctu
Il minareto della moschea di Timbuctu
Mali: integralisti distruggono entrata moschea a Timbuctu

di Rossella Benevenia

L'avevano promesso, l'hanno fatto. Dopo i sette mausolei distrutti nel fine settimana, gli integralisti islamici di Ansar Dine che da tre mesi hanno il pieno controllo del Mali settentrionale oggi hanno dato l'assalto a una moschea del XV secolo e hanno minato l'area circostante la località di Gao. Con i picconi decine di fanatici a Timbuctù hanno fatto a pezzi la porta sacra di Sidi Yahia, una delle tre grandi moschee nella zona sud della mitica città dichiarata Patrimonio mondiale dell'umanità dall'Unesco: una porta in legno massiccio che da decenni restava sempre chiusa perché, secondo la tradizione, la sua apertura avrebbe provocato distruzione e morte. Paralizzati dalle minacce e dalle urla 'Allah! Allah!', molti abitanti hanno assistito allo scempio, hanno anche pianto ma non hanno avuto alcuna possibilità contro i kalashnikov spianati dei fondamentalisti. Un religioso che si è azzardato a parlare con loro ha poi spiegato che la devastazione è stata decisa proprio perché "qualcuno diceva che il giorno in cui questa porta fosse stata aperta sarebbe arrivata la fine del mondo.

Così ritengono di aver dimostrato che non c'é stata nessuna fine del mondo" e che la tradizione popolare tramandava solo superstizioni. Nel contempo notizie drammatiche sono arrivate anche da Gao, l'altra regione del nord che con Timbuctù e Kidal è ormai sotto il totale controllo degli integralisti di Al Qaida nel Maghreb islamico (Aqmi) e del Movimento per l'unicità e la Jihad in Africa (Mujao). Sconfitti i ribelli tuareg del Movimento nazionale di liberazione dell'Azawad (Mnla) che con loro, approfittando della confusione creata nella capitale Bamako lo scorso 22 marzo da un colpo di stato militare, avevano preso il potere nelle tre regioni settentrionali, gli integralisti hanno minato i dintorni della città. Lo hanno denunciato proprio i tuareg ribelli, aggiungendo che "molti civili cercano di fuggire, di salire su camion e corriere per raggiungere la capitale Bamako, ma i fondamentalisti non intendono permetterlo".

E chi riesce comunque a uscire, ora rischia di saltare in aria. Secondo i tuareg, "dopo la criminale distruzione di alcuni mausolei dei santi musulmani, ora i fanatici usano la gente come ostaggi, come scudi umani, per proteggersi da una nostra controffensiva" o da un attacco delle truppe governative. Per il terzo giorno consecutivo comunque nessuno ha potuto opporsi alla violenza degli uomini di Ansar Dine, pesantemente armati e decisi a imporre la Sharia (la legge islamica) in tutto il Mali. Finora si sono solo alzate molte voci a condannare e a lanciare appelli: ieri l'Ecowas (Comunità economica degli stati dell'Africa occidentale) e la Cpi (Corte penale internazionale dell'Aja), oggi gli Stati Uniti, l'Oci (Organizzazione della cooperazione islamica, 57 Paesi membri) e l'Associazione dei leader religiosi del Mali. Hanno ricordato, questi ultimi, che "anche il Profeta Maometto andava a visitare le tombe e i mausolei dei 333 santi". Intolleranza denunciata dagli stessi musulmani dunque. Con un affondo dall'Algeria: i santi e i saggi sepolti nel corso dei secoli nei mausolei di Timbuctù - ha scritto Algeri in un documento di condanna delle distruzioni - hanno contribuito alla penetrazione dell'islam nella regione e alla diffusione dei valori della spiritualità e della tolleranza". Messaggio che finora, sui combattenti integralisti, non è riuscito ad avere il benché minimo effetto.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni