Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Monti: parlamento ci aiuti, no nuovi vincoli piu' rigidi

La cancelliera: l'Italia ha fatto molto, misure importanti

13 gennaio, 10:54
Mario Monti
Mario Monti
Monti: parlamento ci aiuti, no nuovi vincoli piu' rigidi

Di Marco Dell'Omo 

Non solo disciplina di bilancio ma anche attenzione alla crescita: l'unione europea, per Mario Monti, deve muoversi in questa direzione per superare la crisi dei debiti sovrani. E l'Italia dirà no a un'interpretazione troppo rigida del piano ventennale di dimezzamento del debito pubblico: un piano che il governo giudica "fattibile" ma che, attuato in modo rigido, rischia di farci "cadere preda di un eccesso di formalismo". Intervenendo alla Camera per riferire sui suoi incontri europei in vista dei prossimi appuntamenti a Bruxelles (l'eurogruppo il 23, il consiglio europeo il 29), il premier ricapitola la posizione italiana e, per la prima volta, chiede l'aiuto delle Camere: "In varie occasioni future - dice - vorrei il contributo del Parlamento per formulare le proposte italiane sulla crescita". Monti chiarisce che l'obiettivo della riduzione del debito pubblico dal 120 per cento del Pil al 60 per cento in venti anni, non è una decisione presa in queste settimane : è già una legge europea che "é stata accettata dai governi dell'epoca".

E' un obiettivo "severo ma fattibile": l'Italia, però, sta lavorando affinché nell'attuazione concreta del piano siano adottati "criteri qualitativi" che evitino di "cadere preda di un formalismo eccessivo". Ora che si tratta di definire l'accordo a 26 sulla disciplina di bilancio, il governo italiano, spiega Monti, ha tra i suoi obiettivi quello di "evitare vincoli più rigidi, limiti procedurali o nuove sanzioni rispetto a quelle già esistenti". Non solo : "''se l'obiettivo dichiarato è quello di dotare l'unione di un più solido pilastro economico, è necessario che la disciplina di bilancio sia affiancata da una politica di crescita e di competitività con un rafforzamento dell'integrazione economica all'interno del mercato unico". L'Italia, spiega Monti, sa di essere un paese che si trova in "una fase di transizione da un periodo, ormai remoto, di indisciplina finanziaria a uno di disciplina". Dobbiamo dunque muoverci in modo tale che nessuno possa "mettere in dubbio" che l'Italia partecipi al quadro europeo , con un' immagine di "paese maturo". Monti si mostra ottimista sul raggiungimento degli obiettivi che il governo italiano si è fissato. Anche se, avverte, "non é un viaggio a Berlino a Parigi, non è un incontro trilaterale a Roma che possa cambiare le decisioni europee. E' molto difficile fare passi avanti, è molto facile fare passi indietro".

Monti spera però che la partita sulle regole per la disciplina di bilancio si chiuda nel consiglio europeo di fine gennaio: "Non vedo l'ora - dice - che il 30 si possa chiudere sul fiscal compact". Perché, da quel momento in poi, ci si potrà concentrare sull'altro aspetto fondamentale, quello della crescita. "Perché l'Europa non è solo disciplina di bilancio: è molto importante che si passi oltre, dedicando più energia politica al versante della crescita". La crescita, tuttavia, non potrà essere perseguita con politiche di disavanzo: sarebbe una crescita " effimera", che solo i "nostalgici di politiche senza successo" possono volere. Si tratta invece di "sfruttare tutto il potenziale di un continente integrato per crescere di più, cosa che finora non è stato fatto". Monti rivela di averne parlato più volte alla Merkel: "E' un argomento che uso spesso con la cancelliera: una maggiore crescita è una condizione indispensabile per garantire la disciplina". Il premier conclude con una espressione francese ("Tout se tient", tutto si tiene) e una a previsione ottimistica sui possibili interventi della bce: "Non è escluso che la banca centrale europea, dopo che sarà stato acquisito l'accordo sulla disciplina di bilancio, si senta , per così dire, più rilassata...".

BARROSO SULLA LINEA MONTI 'FONDO SALVA STATI VA POTENZIATO' - Il presidente della Commissione Ue José Manuel Barroso si pone sulla linea del premier Monti che ieri ha chiesto alla Merkel di rafforzare il fondo salva stati. "Da tempo chiediamo che il fondo sia potenziato, anticipato e reso più flessibile", ha detto Barroso.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni