Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Battisti: 'Non l'ho fatto, ma avrei ucciso se ordinato'

'Non sono piu' la stessa persona, avevo 16 anni'

07 settembre, 13:42
Cesare Battisti
Cesare Battisti
Battisti: 'Non l'ho fatto, ma avrei ucciso se ordinato'

In Italia c'era ''quasi una guerra civile. Se me l'avessero ordinato, avrei ucciso. Per fortuna cio' non e' mai successo, e non ho mai pensato fosse una via d'uscita''. Cesare Battisti torna a parlare delle vicende del suo passato in Italia da un Brasile dove e' libero ormai da tre mesi, ribadendo di voler voltare pagina.

Per questa sua nuova intervista a un media locale, Battisti ha scelto il quotidiano Folha de S.Paulo, il quale ha ripreso le sue dichiarazioni sia sulla sua edizione di oggi sia con un video pubblicato sul sito. ''Avevo 16 anni quando sono entrato nella militanza, non sono piu' la stessa persona. Se oggi continuassi ad essere un rivoluzionario sarei un'idiota'', ha tra l'altro sottolineato Battisti, che 'torna' sulle vicende italiane ''degli anni del dopo '68''. ''Ero molto giovane, e come tanti abbiamo ritenuto di poter sistemare il mondo con le armi. Ma calma - si ferma a un certo punto Battisti - non siamo stati noi i primi a prendere le armi, sono stati i regimi, gli Stati, che hanno iniziato a usarle e a uccidere.

Il movimento rivoluzionario ha accettato la provocazione e risposto con le armi''.

''Ora la mia principale preoccupazione e' quella di uscire dalla situazione del 'Battisti terrorista', ex militante, ecc.- Non sono mai stato - precisa - un terrorista, nessuno mi ha condannato o accusato per questo. Vorrei solo sistemarmi, avere una casa, un posto dove mettere i libri, il computer, la mia vita, sedermi, iniziare a riflettere e lavorare".

Nel video di Folha, girato nel paesino del litorale paulista dove l'ex militante Pac e' ospite di un amico, Battisti si dice piu' volte preoccupato sul suo futuro e ricorda, emozionandosi, la sentenza di tre mesi fa con la quale il Supremo Tribunal Federal di Brasilia ha ordinato la sua liberazione, confermando il 'no' all'estradizione in Italia manifestato dal presidente Lula il 31 dicembre dell'anno scorso.

Battisti aggiunge che per ora vive "grazie ai compagni e amici, alle collette dei gruppi di appoggio di diversi paesi. Non so quanto cio' potra' durare", conclude, ricordando di puntare a ''integrarsi alla societa' e iniziare a lavorare''.

L'ex militante Pac fa inoltre un accenno ai dei problemi di sicurezza: ''Lei pensa che mi abbiano lasciato cosi', senza sapere cosa sto facendo? Il pericolo maggiore sara' quando il mio caso si 'raffreddera''', dice Battisti al quotidiano, secondo il quale quando l'ex militante Pac cammina per strada riconosce i volti di persone che hanno partecipato alle proteste contro la sua liberazione e permanenza in Brasile.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni