Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Ronde di bambini a difesa del quartiere

12 febbraio, 21:02
Tunisi
Tunisi
Ronde di bambini a difesa del quartiere

dell'inviata Anna Lisa Rapana'

TUNISI - Hanno 10, 12 anni al massimo e brandiscono bastoni sul ciglio della strada. Fermano le auto e verificano che non vi siano armi e che non siano un pericolo per il loro quartiere, La Marsa. Sono praticamente bambini ma anche loro sono impegnati nei 'comitati di quartiere' che a Tunisi sembrano essersi autoaffidati il compito di difendere case e persone dai saccheggiatori, e non solo. La Marsa e' nota per essere una zona 'bene' della capitale, con bar e ristoranti di sapore internazionali (due servono sushi a pochi metri di distanza), con uffici ed appartamenti eleganti, spesso anche con vista sul mare. Ma oggi i locali sono chiusi e circolano poche auto nella parte chic. E' nell'area piu' popolare del quartiere che pulsa il cuore: ci sono le lunghe file per il pane, ma anche le barricate messe su' alla meglio con rami e bidoni e con i loro giovani guardiani armati di bastoni. Qui i negozi sono aperti, sebbene all'interno la merce cominci ormai a scarseggiare. Con le baguette in mano, quasi fossimo in Francia, dicono che ''il pane c'e' e costa solo un quinto di dinaro''. Non e' moltissimo, quasi come di solito, spiegano.

''Perche' questa non e' la rivolta del pane, questa e' la rivolta per la liberta'. Una rivoluzione''. Dice Tarek, avvicinandosi. ''Ho 58 anni e qui a La Marsa ci sono nato. Il popolo ha mostrato la sua maturita' ed ha dimostrato di poter essere esempio per tutta la regione. Ha preso in mano il suo destino''. E poi la solidarieta', che ha portato tutti ad adoperarsi per questi 'comitati', che sono quasi ronde di notte ma di giorno vigilano altrettanto. Un folto gruppo sosta all'angolo di una strada perche' sembra dover decidere il da farsi, l'organizzazione della giornata. E quando si ferma un mezzo militare la conversazione non cambia di tono: tacito accordo, mutuo rispetto forse. La rabbia pero' c'e' e si fa sentire anche qui, quando una donna approfitta della presenza di stranieri nel quartiere e inveisce contro ''i ladri e i mafiosi'' dice. ''Adesso che sono partiti ci difendiamo da soli pero'. Non abbiamo bisogno di stranieri''. Cosi' l'aria in un attimo si surriscalda, mentre nella stessa strada, quella del pane, della solidarieta' e della lotta per liberta', si vede formarsi quello che sembra un corteo. ''E' morto un ragazzo - spiegano - lo portano al cimitero. Aveva 12 anni, gli hanno sparato in un occhio''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni