Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Colombia, italiano riconosciuto colpevole di pedofilia

16 luglio, 21:45

BOGOTA' - Induzione alla prostituzione, pornografia infantile e atto sessuale con un minore di 14 anni: sono pesanti le accuse delle quali e' stato riconosciuto colpevole in Colombia il 72/enne Paolo Pravisani, ingegnere aeronautico ed ex pilota acrobatico di Udine, rimasto coinvolto nella morte di Yesid Torres, deceduto nel 2009 a 14 anni per un'overdose di cocaina. A presiedere l'udienza, svoltasi nella citta' di Cartagena de las Indias, e' stato il giudice German Herrera, il quale ha precisato che la sentenza sara' resa nota entro un mese e che Pravisani dovra' affrontare, a partire da venerdi', un altro procedimento giudiziario: l'accusa questa volta e di aver ucciso Torres. ''Pravisani deve andare in prigione e una volta scontata la pena, verra' espulso dalla Colombia'', ha precisato Herrera, mentre i media locali ricordano che fin dal 23 febbraio del 2009 - giorno in cui il minore e' stato trovato morto, semi-nudo nell'abitazione di Pravisani - l'ex pilota si trova nella clinica psichiatrica 'Cemic' di Cartagena. Pravisani si dichiara innocente e giorni fa il suo legale Francisco Jimenez aveva affermato che l'italiano ''non necessariamente e' innocente, ma non e' imputabile, perche' ha dei disturbi mentali gravi e non e' in grado di riconoscere l'illegalita' dei suoi fatti''. Durante il processo, che era stato rinviato piu' volte, si e' in sostanza dimostrato che Pravisani aveva ''contrattato'' sia Yesid e sia un altro minore, identificato solo con le sigle 'Ajc', per abusare sessualmente di loro. Qualche volta 'ingaggiava' anche delle donne, che pagava affinche' i minori facessero sesso con loro. A inchiodare l'ex pilota sono state proprio le dichiarazioni di 'Ajc', e una serie di foto dei 'festini' a sfondo sessuale che avvenivano nell'appartamento di Pravisani a Cartagena. Senza nascondere la propria commozione, la madre di Yesid, Lourdes Torres, si e' dichiarata ''felice che Pravisani vada in prigione, ora non potrà più prendersi gioco del mio dolore". Tempo fa, in un'intervista al quotidiano 'El Tiempo', Pravisani aveva detto che con Yesid aveva "un rapporto di lavoro", ammettendo "di avergli dato un po' di cocaina. Ma lui - aveva affermato - ne prendeva di più per conto suo. Ha esagerato ed è morto". A occuparsi del caso e' stata in particolare l'ong Terres des Hommes, che ha sottolineato come Pravisani sia ''il primo straniero condannato per turismo sessuale in Colombia. Finalmente si spezza il cerchio di omertà e complicità che da anni si chiudeva attorno alle tante vittime della prostituzione infantile e copriva gli sfruttatori ed i clienti'', ha rilevato Raffaele K. Salinari, presidente dell'ong.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni