Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Le minacce di Al Qaida i Mondiali e gli Azzurri nel mirino terroristi

Su internet: 'Pronti a colpire in Sudafrica'

10 aprile, 15:06
Uno degli stadi dei Mondiali
Uno degli stadi dei Mondiali
Le minacce di Al Qaida i Mondiali e gli Azzurri nel mirino terroristi

ROMA - Al Qaida minaccia di colpire i Mondiali di calcio in Sudafrica ed in particolare le nazionali di Usa, Inghilterra, Italia,  Francia e Germania perché parte "della campagna sionista-crociata contro l'islam". Lo riferisce la Cbs online citando un comunicato  dell'Aqmi, il braccio armato di al Qaida in Nord Africa, del network del terrore pubblicato su un sito integralista.

"Come potrebbe essere sorprendente la partita tra Stati Uniti e Gran Bretagna trasmessa in diretta e in uno stadio stracolmo di spettatori quando il boato di una esplosione si propagherà attraverso gli spalti, l'intero impianto sarà sotto sopra e i morti si conteranno a decine e centinaia, ad Allah piacendo", si legge nel testo dell'Aqmi pubblicato su un sito della Jihad Mushtaqun Lel  Jannah (Longing to Paradise) e riportato sulla rubrica dei blog della Cbs online.

La partita tra Inghilterra e Usa è prevista per il 12 giugno allo stadio di Rustenburg. Non esiste nessuna nazionale di calcio della  Gran Bretagna, come erroneamente affermato dal gruppo. Ai Mondiali 2010 la squadra di Capello è l'unica qualificata: Scozia,  Galles e Irlanda del Nord sono state eliminate.

Il comunicato evidenzia poi alcune recenti azioni del gruppo terroristico, come l'attacco suicida di dicembre in Afghanistan che  provocò la morte di sette agenti della Cia e il tentato attentato di Natale su un volo Amsterdam-Detroit, compiuto dal nigeriano  Umar Farouk Abdulmutallab.    Nel comunicato si citano anche le nazionali di Germania, Francia e Italia tra i possibili obiettivi  "Tutti questi paesi - scrive il comunicato - sono parte della campagna dei crociati sionisti contro l'Islam". 

Il gruppo afferma che utilizzerà esplosivo non rilevabile, che consentirà loro di superare i controlli: "Tutte le misure di sicurezza e le  macchine a raggi x che l'America invierà dopo aver letto questo comunicato non saranno in grado di capire come l'esplosivo sia  stato introdotto. La ragione la spiegheremo a tempo debito. Sono pronti a essere scalfiti i vostri preparativi per l'evento, signor  Platter (Blatter, ndr)?".

FIGC: SIAMO IN CONTATTO CON VIMINALE
"Siamo stati avvisati ufficialmente questa mattina da Roberto Massucci, designato dal ministero dell'Interno a curare la nostra  sicurezza al Mondiale, dell'esistenza di queste minacce. Di più non vi posso dire". Antonello Valentini, direttore generale della  Federcalcio, conferma che il Viminale è stato allertato per le minacce fatte da Al Qaida a varie nazionali, tra le quali quella italiana,  per i Mondiali di calcio in programma a partire dall'11 giugno in Sudafrica. "In questo campo - aggiunge solamente Valentini - di  noi si occupa il Ministero dell'Interno, altro non posso dire se non che siamo in ottime mani".

FRATTINI: INTOLLERABILE NUOVA MONACO
"Il mondo non tollererebbe una nuova Monaco, la pace che lo spirito olimpico ha affermato ed imposto, di nuovo violata ed  insanguinata". Il Ministro degli esteri Franco Frattini commenta così su Facebook la minaccia di Al Qaida di colpire i mondiali di  calcio in Sudafrica e in particolare le nazionali di Usa, Gran Bretagna, Italia, Francia e Germania perché parte "della campagna  sionista-crociata contro l'Islam". "Non lo tollererebbe l'Africa -ha proseguito- che cerca in questi mondiali di calcio una conferma di  una promessa di opportunità e di sviluppo. Non lo tollererebbero tutti coloro che nel mondo guardano allo sport come al campo  della pace e della conciliazione e che si battono per la democrazia e le libertà".

 

007: NO MINACCE SPECIFICHE SU ITALIA
Non c'é al momento alcuna minaccia specifica che riguarda la delegazione italiana che sarà impegnata nei mondiali di calcio  sudafricani. E' quanto si apprende da fonti d'intelligence che stanno analizzando il comunicato dell'Aqmi, il braccio armato di Al  Qaida in nord Africa, in cui si fa uno specifico riferimento all'Italia e ad altri Paesi impegnati in quella che i terroristi definiscono la "campagna sionista-crociata contro l'islam".    Un comunicato, viene fatto notare, che va letto più come "propaganda" che come  minaccia concreta: i mondiali di calcio - come d'altronde ogni manifestazione o evento sportivo di portata internazionale - offrono  una vetrina mediatica che il network del terrore non può non tentare di sfruttare. Cosa che é già avvenuta in passato.  

 L'attenzione resta comunque alta: "nessun segnale viene sottovalutato - si rileva in ambienti dell'intelligence - e il dispositivo di    sicurezza è definito da tempo, pronto eventualmente ad essere adeguato alla situazione".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni