Percorso:ANSA.it > Mondo > News

'Papessa' protestante, mi dimetto

Margot Kaessmann, leader della Chiesa protestante tedesca, era stata fermata per guida in stato di ebbrezza

24 febbraio, 19:35
Margot Kaessmann
Margot Kaessmann
'Papessa' protestante, mi dimetto

BERLINO - E' stata la prima donna vescovo che abbia mai guidato la Chiesa protestante tedesca, ma e' rimasta in carica appena  120 giorni: Margot Kaessmann, massima rappresentante della Chiesa evangelica-luterana della Germania, ha annunciato le  dimissioni da tutti i suoi incarichi ecclesiastici per essere stata 'pizzicata' dalla polizia mentre era ubriaca al volante. 

Non e' bastata, quindi, la conferma della fiducia che solo qualche ora prima le aveva espresso il Consiglio della Chiesa, ne' sono  bastati i commenti di sostegno espressi dalla stampa: le dimissioni hanno effetto immediato e riguardano anche la sua carica di  vescovo di Hannover, il capoluogo della Bassa Sassonia (nordovest), dove la signora - divorziata con quattro figlie - era stata  fermata sabato sera.    Le speranze e le attese di rinnovamento che nutriva la comunita' protestante tedesca, quindi, hanno avuto  vita breve. La Kaessmann era stata eletta, comunque non senza polemiche a causa del suo divorzio, solo il 28 ottobre scorso e  nessuno avrebbe immaginato che sarebbe rimasta in carica appena quattro mesi.

La Kaessmann e' passata col rosso e il test anti-alcol non ha lasciato ombra di dubbio sulle sue condizioni: aveva un tasso alcolico  dello 0,154% nel sangue, oltre tre volte rispetto al limite legale dello 0,05%. Adesso, rischia una multa e il ritiro della patente per un  anno. 

''Il mio cuore mi dice chiaramente che non posso rimanere in carica con la necessaria autorita'...'', ha detto ai giornalisti.

''Sabato scorso ho commesso un grosso errore...'', ha proseguito: ''Quindi, mi dimetto immediatamente da tutte le mie  responsabilita' ecclesiastiche''.  Il 30% delle popolazione tedesca e' protestante. E la Kaessmann sapeva che, se fosse rimasta,  probabilmente avrebbe creato tensioni all'interno di una Chiesa che rappresenta circa 25 milioni di persone. ''In futuro, non avrei  piu' avuto la liberta' di indicare e valutare sfide etiche e politiche, cosi' come ho fatto finora'', ha ammesso. 

La cancelliera tedesca, Angela Merkel, ha appreso la notizia con ''rispetto e dispiacere'', ha detto il portavoce del governo, Ulrich  Wilhelm. E in passato non erano mancate le divergenze fra l'Esecutivo e la 'papessa' 51/enne. Proprio il mese scorso, Berlino aveva  ammesso che ci sono ''divergenze di opinioni'' con la Chiesa protestante, dopo che la Kaessmann aveva criticato la guerra in  Afghanistan esortando la Merkel a far tornare a casa i soldati tedeschi.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni