Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Clima, chiuso il vertice. Il testo delude

Magro successo per Obama, rabbia delle Ong

20 dicembre, 12:53
Copenaghen, conferenza sul clima
Copenaghen, conferenza sul clima
Clima, chiuso il vertice. Il testo delude

dell'inviata Elisabetta Guidobaldi

Il clima aspettava la svolta e invece è delusione. E la salute del pianeta sembra essere rimandata a data da destinarsi anche se per la prima volta c'é l' impegno americano e i leader del mondo si sono stretti intorno alla questione del riscaldamento globale. E' una fine con più ombre che luci questa della 15esima Conferenza delle Parti della Convenzione Onu sui cambiamenti climatici (Cop15) a Copenaghen. Un nome difficile per dire summit Onu sul clima. Il risultato di un lavoro mastodontico e di una partecipazione mai vista a queste Conferenze è un accordo minimo, in 12 punti, non vincolante né a livello politico né legale. Niente target di riduzione delle emissioni ma un punto qualificante c'é e sono le risorse per i paesi in via di sviluppo. Il presidente Usa, Barack Obama torna alla Casa Bianca con un magro successo, la Cina invece esulta. L'Europa mastica amaro ma dice sì al testo. Ong e ambientalisti sono arrabbiati. Sotto accusa finisce l'Onu: dal Parlamento europeo si chiede di "riformare il metodo di lavoro dell'Onu con urgenza". Ma i soldi, questa l'unica nota positiva, restano come impegno concreto e anche immediato. Le risorse 'fast' prevedono un fondo da 30 miliardi di dollari per il triennio 2010-2012 mentre entro il 2020 il fondo è da 100 miliardi di dollari l'anno. L'importante, dicono gli osservatori, è che questi fondi non si 'distraggano' dalla lotta alla povertà. Sul tappeto restano tante questioni aperte e nel 2010 si dovrà arrivare a un accordo vincolante.

Ecco la maratona del clima al vertice Onu a Copenaghen:

- MINI-ACCORDO: Dopo quasi 14 ore di fila la sessione Plenaria della Conferenza "prende nota" dell' 'Accordo di Copenaghen''. Si tratta di un documento che non viene votato con il consenso e quindi riguarda solo alcuni paesi, primi su tutti gli Usa che stringono un patto con Cina, India, Sudafrica e Brasile. Si aggrega a malincuore l'Europa ma per il presidente francese, Nicolas Sarkozy si tratta "del migliore accordo possibile oggi". "Se non ci fosse stato un accordo, due Paesi importanti come Cina e India sarebbero stati liberati da ogni tipo di contratto, così come gli Stati Uniti, che non figurano nel protocollo di Kyoto", ha spiegato il presidente. Dal canto suo il presidente americano, Barack Obama, aveva detto: "Accordo significativo ma non basta", rimanendo fermo sugli impegni Usa -17% di Co2 al 2020 rispetto ai livelli del 2005;

- PIANO IN 12 PUNTI: Dodici i punti dell' 'Accordo di Copenaghen'. Si fissa a 2 gradi l'aumento della temperatura media ma si elimina ogni riferimento al taglio del 50% al 2050 per tutti i paesi (qui la vittoria della Cina). Inoltre entro il 31 gennaio 2010 i paesi ricchi dovranno quantificare i tagli. Resta il capitolo fondi nella formulazione acquisita dall'inizio. E, come ultimo punto, si stabilisce la revisione e l'assestamento entro il 2015, incluso il nuovo obiettivo a 1,5 gradi per limitare il riscaldamento;

- ONU E PRESIDENZA DANESE: "Faremo di tutto perché l'accordo diventi legalmente vincolante entro il 2010", ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon sottolineando che l'accordo è una "tappa essenziale". Per il capo negoziatore Onu e segretario esecutivo della Convenzione Onu (Unfccc), Yvo de Boer, "é stata una conferenza andata come sulle montagne russe" per raggiungere un accordo che di fatto é "solo una lettera di intenti, e questo significa che abbiamo ancora molto lavoro da fare". Per quanto riguarda la presidenza danese è stata molto criticata per le procedure adottate;

- RABBIA AMBIENTALISTI E ONG: Il giorno dell'Accordo è rabbia da parte delle maggiori associazioni ambientaliste. Legambiente parla di "occasione storica persa"; il Wwf di un testo "mezzo crudo dai contenuti poco chiari"; per Greenpeace si è passati "dall'accordo storico al fallimento storico";

- NUMERI DEL VERTICE: 13 giorni di fuoco, dal 7 al 19 dicembre con 21 ore e 28 minuti di ritardo rispetto all'orario inizialmente previsto (le 18 di venerdì); 193 i Paesi partecipanti, circa 120 capi di Stato e premier e 45.000 le richieste di accredito;

- CAOS E MANIFESTAZIONI: Il vertice Onu sul clima a Copenaghen verrà ricordato come il vertice che ha creato il caos ai cancelli con dieci ore di code, delle manifestazioni, una maxi-mobilitazione il sabato 12 dicembre, e dello schieramento da 'guerra' della polizia.

OBAMA DIFENDE L'ACCORDO

Il presidente Barack Obama ha detto oggi a Washington che l'accordo raggiunto a Copenaghen costituisce una "importante svolta" nella battaglia per combattere gli effetti del riscaldamento del pianeta. "Per la prima volta nella storia tutte le più importanti economie del pianeta si sono riunite per accettare la loro responsabilità nell'agire per affrontare la minaccia del mutamento del clima", ha detto Obama nella sua dichiarazione alla Casa Bianca. Il presidente Usa, che ha parlato in una capitale sepolta da una tempesta di neve, ha riconosciuto comunque che i negoziati in Danimarca sono stati duri. "Dopo negoziati estremamente difficili e complessi - ha detto il presidente Usa - questa svolta importante getterà le basi per le iniziative internazionali degli anni a venire".

ESPERTO IPCC, QUOTE TAGLI CO2 ENTRO 31 GENNAIO

La struttura dell'accordo di cui ha preso atto la Cop contiene due tabelle, più una terza, da riempire con le cifre relative alla quota di riduzione di emissioni di gas serra che i Paesi dovranno comunicare entro il 31 gennaio 2010. A dirlo all'ANSA l'esperto dell'Ipcc (Intergovernmental panel on climate change, cioè il panel di scienziati Onu che studiano i cambiamenti climatici), Riccardo Valentini, a proposito dell'accordo raggiunto al vertice delle Nazioni Unite sul clima a Copenaghen. La prima tabella, spiega Valentini, riguarda ''i Paesi industrializzati, in cui per esempio ricadono gli Stati Uniti, la seconda è per i Paesi non industrializzati, in cui rientra la Cina''. Mentre, ''la terza tabella fa riferimento agli sforzi finanziari che i Paesi dovranno compiere''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni