Percorso:ANSA.it > Economia > News

Crediti PA: governo accelera, presto decreto

Testo su compensazioni pronto la prossima settimana

12 maggio, 19:47
Vittorio Grilli
Vittorio Grilli
Crediti PA: governo accelera, presto decreto E' in dirittura d'arrivo la certificazione dei crediti che le imprese vantano nei confronti della pubblica amministrazione che dovrebbe poi permettere di compensare i debiti verso la pubblica amministrazione. La conferma arriva direttamente dal vice-ministro all'Economia Vittorio Grilli: "il processo di certificazione dei crediti ai fini di compensazione di debiti iscritti al ruolo sarà possibile, come già annunciato", ha spiegato il vice-ministro a margine di un seminario della fondazione Magna Carta Nord Est a Trebaseleghe, nel padovano. E' solo "questione di giorni - spiega Grilli, prima di specificare che il testo arriverà già la prossima settimana. "Faremo questo nuovo decreto di semplificazione del processo di certificazione e la certificazione si potrà usare sia ai fini dello sconto pro-solvendo alle banche in caso di ritardi di pagamenti, e come documento per effettuare queste compensazioni nel caso si abbiano debiti iscritti al ruolo con la nostra agenzia tributaria". Un meccanismo che permetterà di mettere sulla bilancia gli eventuali ritardi nei pagamenti del settore pubblico con quelli dovuti dai privati: "se lo Stato è in ritardo a pagare e il contribuente è in ritardo a pagare - spiega Grilli - questi due ritardi si possono compensare". Una partita ancora difficile da quantificare con precisione, e che andrà gestita con prudenza per non mettere a rischio - come evidenziato dal ministro per lo Sviluppo economico Corrado Passera - gli impegni di finanza pubblica presi con l'Europa. Per Confindustria i crediti che le aziende vantano verso le P.A. ammonterebbero a qualcosa come 60-70 miliardi, anche se oggetto del provvedimento potrebbero essere soltanto determinati crediti, certificati e ritenuti più sicuri. Per il momento, la prossima settimana dovrebbe essere in dirittura la piattaforma normativa necessaria perché Abi e imprese firmino un'intesa che consenta alle banche di anticipare circa 20 miliardi di euro dovuti delle Pa attraverso più tranche. I decreti messi a punto dai tecnici di Grilli riguardano i meccanismi, appunto, di certificazione dei crediti vantati dalle imprese e di compensazione con il dovuto all'erario, mentre a firma del ministro Passera è un diverso provvedimento, che riguarda la creazione di un'assicurazione per le imprese in modo che il credito da loro vantato possa essere garantito dal fondo centrale di garanzia per le Pmi
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni