Percorso:ANSA.it > Economia > News

Pizzetti, nuove regole elusive non esaustive

28 febbraio, 18:20
Pizzetti, nuove regole elusive non esaustive
Pizzetti, nuove regole elusive non esaustive
Pizzetti, nuove regole elusive non esaustive

di Titti Santamato 

"C'é una grave perplessità rispetto alle nuove regole sulla privacy di Google, soprattutto in riferimento alla normativa europea. L'informativa fornita agli utenti è apparentemente esaustiva ma in realtà troppo generica ed elusiva": è questo in sintesi il parere di Francesco Pizzetti, presidente dell'Autorità Garante per la Privacy, in merito alla nuova policy del colosso del web sulla protezione dei dati personali che sarà operativa dal primo marzo. Per Pizzetti "la prossima riunione dei Garanti europei del 22 marzo sarà sicuramente un'occasione di riflessione". "E' un'informativa sulla privacy che contiene troppe diverse possibilità di usare i dati degli utenti dei servizi Google, da parte di Google stessa - spiega Pizzetti -. Ci sono troppe ipotesi, troppi 'potremmo' e frasi troppo generiche perché l'utente sia messo adeguatamente al corrente e in grado di fare una valutazione oggettiva dei benefici a cui va incontro se sottoscrive le nuove regole". Per il Garante italiano della Privacy non solo "la spiegazione dell'upgrade nella fornitura dei servizi è troppo generica", ma "si riserva anche l'ipotesi di trasferire dati a soggetti terzi, anche se a titolo gratuito. Si potrebbe dire che questa informativa - ribadisce Pizzetti - appare esaustiva ed è invece elusiva sia rispetto alle finalità nell'uso dei dati, sia rispetto ai limiti conseguenti alla rinuncia alla sottoscrizione". "Noi proseguiremo nell'attività di monitoraggio e se ravviseremo delle illiceità decideremo quali provvedimenti adottare", sottolinea il Garante della Privacy ricordando che il gruppo di lavoro Articolo 29, che riunisce i Garanti Ue e "consiglia" la Commissione Europea, ha inviato nelle scorse settimane una lettera a Google. Il colosso del web è stato informato che la Cnil, l'Authority francese per la protezione dati, è stata incaricata di valutare la riforma e di chiedere a Mountain View "una pausa" per l'avvio del nuovo sistema dando tempo per farne una valutazione completa. Invito che Google ha declinato ma che oggi viene rilanciato da Bruxelles. "La prossima riunione dei Garanti europei sarà il 22 marzo - conclude Pizzetti -: sicuramente ascolteremo un primo report francese e se quelli che oggi sono dei dubbi o delle riflessioni si trasformassero in convinzioni decideremo quali provvedimenti adottare. Questi potrebbero ricadere su Google".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni