Percorso:ANSA.it > Economia > News

Moody's declassa 114 banche Ue

Tagliato rating Milano, Venezia, Eni e Poste. Lo spread risale

17 febbraio, 09:08
Il logo all'esterno degli uffici della Moody's Corporation a New York
Il logo all'esterno degli uffici della Moody's Corporation a New York
Moody's declassa 114 banche Ue
ROMA - Raffica di tagli di rating o revisioni di prospettive da parte di Moody's a banche, assicurazioni, enti locali e societa' partecipate dallo Stato in Europa, di cui molti italiani. L'operazione arriva a 'cascata' del calo del giudizio sui rating sovrani di Italia (tagliato da A2 ad A3), Spagna, Portogallo oltre che Slovenia, Slovacchia e Malta dei giorni scorsi, ma l'agenzia ha anche messo sotto osservazione 17 big del credito mondiali fra cui Goldman Sachs, Citigroup, Deutsche Bank, Ubs, Hsbc.
 
Una decisione che rischia di far aumentare ulteriormente i costi di rifinanziamento degli istituti di credito, gia' cresciuti con il peggiorare della crisi del debito e l'introduzione di nuove regole e limiti al capitale e all'operativita' sul trading. Lo stretto legame con la situazione difficile dei Paesi europei e' alla base della decisione di mantenere un rating maggiore (seppure in calo) a societa' italiane ma con una forte diversificazione geografica quali Eni (da A1 ad A2) e Generali (da Aa3 ad A1). Il taglio colpisce anche le regioni Lombardia, Toscana, Umbria e Veneto, la provincia e il comune di Milano, come pure quelli di Firenze, la provincia di Torino e la città di Venezia. Il ministro dello Sviluppo Corrado Passera riecheggia le parole del premier Mario Monti quando la scorsa settimana venne tagliato il rating sovrano italiano: ''la mia sensazione e' che sono sempre piu' valutazioni che guardano indietro e non davanti''. Per spiegare la propria decisione Moody's rileva come vi sia una ''pressione combinata'' derivante in primo luogo dall' ''avverso e prolungato impatto della crisi dell'area dell'euro, che rende il contesto operativo molto difficile per le banche europee'', in secondo luogo dal ''deterioramento del merito di credito dei rating sovrani, che ha portato all'aggiustamento dei rating di nove Paesi lo scorso 13 febbraio'', e infine dalle ''sfide importanti'' che dovranno affrontare le banche con ''significative attivita' sui mercati dei capitali''. Queste difficolta', secondo Moody's, non riescono a essere compensate dalla presenza di fattori positivi come il supporto offerto dai governi al sistema bancario e la politica monetaria accomodante da parte della Bce. Ma non sono solo le banche europee a soffrire: rischiano di vedersi ridurre il rating fino a un massimo di tre gradini Credit Suisse, Morgan Stanley e Ubs; fino a un massimo di due gradini Barclays, Bnp Paribas, Citigroup, Credit Agricole, Deutsche Bank, Goldman Sachs, Hsbc, Jp Morgan, Macquarie e Royal Bank of Canada; mentre per Bank of America, Nomura, Royal Bank of Scotland, Societe Generale l'abbassamento, se dovesse esserci, sara' di un solo 'notch'. Secondo Moody's i big mondiali che operano nei mercati dei capitali devono confrontarsi con ''condizioni piu' fragili nella raccolta, piu' ampi spread di credito, accresciute richieste regolamentari e piu' complesse condizioni operative''. Questi problemi, a cui si aggiungono alcune ''vulnerabilita''' come la sensibilita' al clima di fiducia, l'interconnessione e l'opacita' del rischio ''hanno diminuito le prospettive di crescita e redditivita' a lungo termine di questi istituti''.
 
MILANO - Seduta contrastata sui mercati finanziari. I listini europei sono stati combattuti tra le cattive notizie arrivate da Moody's, che ha rivisto al ribasso il giudizio su 114 banche del Vecchio Continente, i timori sulla Grecia e, quelle buone, giunte dai dati sull'economia Usa. La seduta e' partita all'insegna della debolezza per i timori sul destino di Atene: si profilerebbe una prima tranche di aiuti per far fronte alle scadenze di marzo, del valore di 30 miliardi di euro, per evitare che il Paese vada incontro a un default disordinato, mentre il resto dovrebbe essere elargito solo dopo le elezioni. Ma fino all'Eurogruppo di lunedi' tra gli investitori domina l'incertezza. A ravvivare le borse sono arrivati nel pomeriggio i dati macro Usa che nel complesso hanno sancito il discreto stato di salute dell'economia americana, che potrebbe essere confermato dai dati sull'inflazione e sul superindice di gennaio, che saranno diffusi domani. In particolare le nuove richieste settimanali di sussidi alla disoccupazione sono scese di 13.000 unità a quota 348.000, il livello più' basso da marzo 2008. A fine giornata buona parte delle borse europee ha limitato i danni e alcune, come Parigi (+0,09%), hanno chiuso con il segno piu'. Poco sotto la parita' Francoforte (-0,09%), mentre Londra ha ceduto un marginale 0,12%. Piu' pesante Milano, zavorrata da Enel per il taglio del giudizio da parte di Jp Morgan. Pesante Madrid (-2,1%) con Santander a guidare i ribassi della banche dopo che l'autorita' di vigilanza spagnola ha tolto un divieto di vendite allo scoperto sui titoli finanziari. Alla Spagna oggi ha guardato anche il mercato dei titoli di Stato, dal momento che ha collocato titoli a medio termine per un ammontare poco superiore ai 4 miliardi di euro con un calo del tasso sul titolo con scadenza 2019, mentre quello su luglio 2015 ha registrato un rialzo. Bene anche le aste francesi. Quanto ai Btp, dopo un'apertura sopra i 400 punti base, lo spread rispetto al Bund e' sceso, terminando a 375,8 punti.
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni