Percorso:ANSA.it > Economia > News

Benzina: diesel record a 1,561 euro

Faib-Fegica: 'Adesioni mai viste'

09 novembre, 21:38
Confermato lo sciopero dei benzinai
Confermato lo sciopero dei benzinai
Benzina: diesel record a 1,561 euro

La prima giornata di sciopero dei benzinai termina con l'ennesima guerra di cifre tra chi la serrata l'ha proclamata (Faib e Fegica) e chi (Figisc-Anisa) non ha invece partecipato, fidandosi delle rassicurazioni del governo. Le federazioni di Confesercenti e Cisl calcolano un'adesione altissima, pari all'88% degli impianti, mentre i gestori della Confcommercio, parlano di un vero e proprio 'flop' e sposano i dati delle compagnie petrolifere che indicano invece una partecipazione limitata al 10-15%.

''Il dato che emerge - affermano Fegica e Faib plaudendo a quello che e' a loro dire un vero successo - rappresenta la dimostrazione solare di come non sia piu' consentito a nessuno esimersi dal dare risposte concrete o prendere in giro i cittadini a mezzo stampa. Ancora una volta, la categoria ha offerto la risposta migliore e piu' decisa alle ciniche speculazioni politiche e mediatiche del Governo'', proseguono, condannando la ''palese corresponsabilita' e saldatura'' tra petrolieri e ministero dello Sviluppo. Opposta la lettura della Figisc, che indicando percentuali minime di adesione (al massimo il 25% a Roma), sottolineano che ''la stragrande maggioranza di gestori ha compreso l'importante passo in avanti fatto per risolvere la questione che era al centro della vertenza aperta sul bonus fiscale''. Intanto pero', proprio mentre automobilisti e motociclisti cercano i distributori aperti per fare rifornimento, i prezzi salgono.

Questa volta a toccare un nuovo record e' stato il diesel che, secondo le rilevazioni di Staffetta quotidiana, e' arrivato ad un massimo storico di 1,561 euro al litro. Un rincaro che, secondo i consumatori di Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori, rappresenta, nel giorno dello sciopero, ''la prova delle speculazioni sulla pelle degli automobilisti''. Gli aumenti dei listini potrebbero pero' per il momento fermarsi qui. Il prezzo del petrolio ha subito un netto contraccolpo sia a Londra che negli Stati Uniti, penalizzato dai timori di un contagio in arrivo dall'Italia nel resto d'Europa. Nel giorno della debacle dei titoli di Stato italiani e del crollo di Piazza Affari per l'incertezza politica che regna nel Paese e la necessita' di immediate misure di austerity, il greggio americano e' infatti arrivato a perdere il 2% scendendo sotto i 95 dollari al barile. Anche il Brent e' sceso pesantemente, arretrando di quasi 2 dollari a 113 dollari al barile.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni