Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Stamina, le tappe della vicenda

26 novembre, 09:54

Il metodo Stamina - messo a punto dal presidente di Stamina Foundation, Davide Vannoni, e per il quale il ministro della Salute ha oggi annunciato lo stop alla prevista sperimentazione - utilizza cellule staminali prelevate dal midollo osseo. Secondo il suo ideatore, sarebbe efficace nella cura di varie malattie neurodegenerative. Il Parlamento ha dato il via libera alla sua sperimentazione nello scorso maggio, stanziando a tal fine 3 milioni di euro.
  Sono quindi seguite settimane di 'braccio di ferro' e polemiche, costellate al contempo da una sonora bocciatura della rivista scientifica Nature da un lato, e dai sit-in di protesta a Roma da parte dei malati che chiedono liberta' di cura con le cellule staminali. Lo scorso luglio, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha nominato il Comitato scientifico della sperimentazione, di cui fanno parte Istituto superiore di sanita', Centro nazionale trapianti e Agenzia del farmaco, oltre a vari esperti. Il comitato, in un parere, si e' pero' espresso criticamente tacciando la metodica di ''mancanza di basi
scientifiche'' e rilevando anche ''elementi di pericolosita'''.
   La sperimentazione, approvata con il disegno di legge di conversione del decreto 'Disposizioni urgenti in materia sanitaria' firmato dall'ex ministro Renato Balduzzi, sarebbe dovuta durare 18 mesi.
   Il metodo Stamina si basa sulle cellule staminali del midollo osseo, chiamate mesenchimali, note per la loro capacita' di dare origine ai tessuti di ossa, pelle e cartilagine. Secondo la Fondazione Stamina, sarebbe possibile trasformare queste stesse cellule anche in neuroni, utilizzando una sostanza nota per la funzione che svolge nello sviluppo delle cellule, l'acido retinoico, e diluendola nell'etanolo. La tecnica consisterebbe quindi nell'estrarre le cellule staminali mesenchimali dal midollo osseo dei pazienti, nel tenerle in coltura nell'acido retinoico diluito per farle differenziare in cellule nervose e quindi nel reinfonderle nello stesso paziente. La Fondazione Stamina ritiene che la tecnica sia efficace per curare malattie neurodegenerative, come l'atrofia muscolare spinale (Sma).
   Attualmente, a seguito di ordinanze di tribunali, sono 36 i pazienti gia' in trattamento presso gli Spedali Civili di Brescia e circa 150 sono in lista di attesa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni