Percorso:ANSA.it > Cronaca > News

Ilva: Zanonato, decreto rispetta la proprieta'

Ministro dello Sviluppo economico: ''Bondi? Preso miglior giocatore sul mercato''

05 giugno, 09:38
Flavio Zanonato riferisce le disposizioni del governo sull'Ilva di Taranto
Flavio Zanonato riferisce le disposizioni del governo sull'Ilva di Taranto
Ilva: Zanonato, decreto rispetta la proprieta'

ILVA: ZANONATO, IL DECRETO RISPETTA LA PROPRIETA' ROMA (ANSA) - ROMA, 5 GIU - Il decreto sull'Ilva approvato ieri dal Cdm "é costruito per rispettare la proprietà e non per distruggerla. La proprietà se vuole può vendere, partecipa e viene informata di tutte le decisioni assunte". Così il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, sull'Ilva intervenendo a Unomattina.

"Dopo 12 mesi - ha aggiunto Zanonato - l'impianto verrà restituito ai proprietari". Secondo il ministro "o si fa questo o si rischia una situazione uguale a quella del vecchio impianto di Bagnoli: non ce ne si interessa perché non ci sono i soldi".

ZANONATO, BONDI? PRESO MIGLIOR GIOCATORE SUL MERCATO - "Ha salvato la Parmalat. E' un ottimo dirigente, un grande manager, che ci consentirà di uscire da questa situazione. Abbiamo preso il più bravo giocatore sul mercato". Così il ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, su Enrico Bondi, nuovo commissario per l'Ilva.

ILVA: IL COMMISSARIO  E' BONDI, PER 36 MESI - Sarà Enrico Bondi il commissario straordinario chiamato a risanare l'Ilva per i prossimi 36 mesi. Lo ha confermato il ministro per gli Affari Regionali Graziano Delrio, lasciando palazzo Chigi. "Stanno definendo gli ultimi dettagli" del decreto, ha spiegato il ministro.

Il decreto sull'Ilva è stato firmato dal Capo dello Stato e sarà pubblicato stasera sulla gazzetta ufficiale. Lo rendono noto fonti di governo. Il provvedimento è quindi in vigore.

Un'eventuale chiusura dell'Ilva di Taranto "avrebbe un impatto economico negativo per 8 miliardi di euro annui". Lo ha affermato il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, alla Camera. Tuttavia, ha aggiunto spiegando i motivi che hanno portato alla decisione di procedere con un commissario a tempo, "gli investimenti pur realizzati in questi anni non sono stati sufficienti a riequilibrare il rapporto tra produzione, salute e ambiente", visto che "molte disposizioni totalmente o parzialmente disattese dall'azienda".

FEDERACCIAI, SCELTA SBAGLIATA, RISCHIO DISASTRO - Il commissariamento dell'Ilva è "sbagliato e sproporzionato" "perché per risolvere un problema di enorme complessità, rischia di fare un disastro". Così Antonio Gozzi, presidente di Federacciai, secondo il quale si "crea un pericolosissimo precedente" per "tutta la media e grande impresa nazionale".

"La norma - spiega Gozzi - crea un pericolosissimo precedente perché vale per tutti i siti di interesse nazionale, che fino a oggi sono tutte le fabbriche con più di 200 addetti, vale a dire tutta la media e grande impresa nazionale. Ognuna di queste fabbriche da oggi rischia di essere commissariata non per decisione di un giudice, ma soltanto per contestazioni di violazione di norme ambientali effettuata da un Pm 'inaudita altera parte'. "Le previsioni contenute nella legge 231 - prosegue Gozzi in particolare relative all'Aia e alla gestione della stessa da parte del ministero, vengono abrogate, rimettendo di fatto nuovamente nelle mani dei Pm le decisioni relative a far funzionare o meno una fabbrica industriale". "Mi auguro - conclude il presidente di Federacciai - che il Governo e il Parlamento si rendano conto del rischio al quale il decreto emanato espone il nostro sistema industriale e, pur nell'urgente necessità di risolvere il problema dell'Ilva, vogliano affrontare la questione con il necessario e doveroso equilibrio istituzionale e senza una così palese violazione dei diritti della libera impresa".

P.GRIFFI, OK DL, CONTINUITA' E RISANAMENTO AMBIENTE - "Con questo dl il governo ha inteso far fronte a una situazione di grave emergenza assicurando la continuità aziendale e il risanamento ambientale". Così Filippo Patroni Griffi, sull'Ilva."La messa a punto tecnica ha richiesta del tempo in più", ha aggiunto il sottosegretario.

ZANONATO, SE CHIUDESSE SAREBBE BOTTA ENORME - "Se venisse meno l'Ilva sarebbe una botta enorme per economia italiana e avrebbe effetti devastanti dal punto di vista occupazionale". Lo ha detto, il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato illustrando il decreto sull'Ilva.

ZANONATO, TUTTE RISORSE A CARICO DELL'AZIENDA - "Tutte le risorse economiche sono a carico dell'impresa". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato, presentando il decreto del governo sull'Ilva.

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni